fbpx
AttualitàCittàCopertinaCulturaCuriositàEvidenzaItaliaNotizieStoriaTecnologia

Tarquinia, ricostruita in 3D da Marco Mellace l’Ara della Regina

L’opera, realizzata con l’aiuto dell’archeologo Francesco Galluccio, è da considerare l’anteprima di presentazione del lavoro ben più grande riguardante l’antichità etrusca del territorio

Tarquinia, ricostruita in 3D da Marco Mellace l’Ara della Regina –

di Marco Di Marzio

Tarquinia, ricostruita in 3D da Marco Mellace l’Ara della Regina

Soffermata nell’ultimo periodo l’attenzione sul passato di Ladispoli, città alla quale è profondamente legato, è ripreso ora il tour delle ricostruzioni 3D operato da Marco Mellace, nella vita professore di sostegno all’Iss Luca Paciolo di Bracciano.

Infatti, dopo aver riprodotto la Chiesa di San Cataldo (Palermo), alcune parti di Delfi e del centro urbano di Roma antica, i Nuraghi su Nuraxi, l’anfiteatro di El Jam (Thysdrus), Siracusa, Micene, Atene con il Partenone e l’acropoli, la piana di Giza, Babilonia, Olimpia, il tempio di Artemide (Efeso), Çatalhöyük, Akragas (Agrigento) e la Valle dei Templi, la Ziggurat di Ur, Ercolano e Cerveteri, colui meglio conosciuto in tutto il mondo con il soprannome di “Flipped Prof” ha voluto porre il suo sguardo su un altro sito considerato “patrimonio dell’umanità dell’UNESCO” quello dell’antica Tarquinia etrusca.

Anteprima di presentazione l’Ara della Regina, uno dei ritrovamenti archeologici più importanti del luogo, che il ricostruttore 3D ha voluto presentarla in una veste considerata da molti esperti del settore vicinissima a come doveva apparire realmente un tempo.

“La divinità alla quale era destinato il culto all’interno del tempio rimane ancora ignota – afferma Marco Mellace, contattato telefonicamente –, ma da studi recenti si ipotizza l’identificazione della divinità in quella che in odierno viene chiamata Diana. Oggi è ben visibile il basamento e quello che si ipotizza fosse l’accesso alla cella interna il quale è costruito con blocchi di nenfro, una roccia piroclastica tipica della regione.”

Tarquinia, ricostruita in 3D da Marco Mellace l’Ara della Regina

Grazie alle opere di restauro e di scavi svoltesi nel 1938 è possibile ammirare in tutto il suo splendore questa magnifica opera edilizia datata intorno al IV secolo a.C. Il basamento, che purtroppo è l’unico resto rimasto, è in macco, una pietra calcarea diffusa in Etruria.

“La mia ricostruzione 3D – spiega il professore – propone la struttura con il volto assunto dopo la sua prima fase costruttiva. Fondamentale per il raggiungimento di questo risultato è stato il supporto dato dall’amico e archeologo Francesco Galluccio, visibile in particolare nell’aspetto delle lastre decorative riguardanti i Cavalli alati e la biga collocati sul frontone. L’Ara della Regina costituiva l’edificio sacro più importante dell’antica Tarquinia, ma non il solo, poiché nella zona sono da annoverare altre due aree sacre molto importanti.”

I Cavalli alati, un’opera di laboriosa manifattura di arte etrusca, costituiscono il più importante rinvenimento avvenuto in questo sito. Questa lastra, emersa come detto nel 1938 durante i restauri condotti dall’archeologo Pietro Romanelli, rappresenta due equini alati e venne ritrovata interamente frammentata. Per la ricostruzione è stato necessario un minuzioso lavoro di restauro. Anticamente erano però due le lastre che ornavano il frontone del tempio, una raffigurante i due cavalli alati e l’altra contenente una biga, che sfortunatamente è andata perduta. La tavola, databile tra la fine del V e gli inizi del IV secolo a.C., è ora conservata al Museo Nazionale di Tarquinia.

“Visibile sul mio canale YouTube Flipped Prof – conclude Marco Mellace –, per me è un’emozione incredibile aver riportato in vita virtualmente questo luogo importante nella storia del territorio. Tale riproduzione multimediale costituisce l’anteprima di presentazione della mia prossima ricostruzione 3D quella dell’antica Tarquinia etrusca.”

Per approfondimenti cliccare il link

https://www.youtube.com/watch?v=hrG3xyt7ebs&t=41s

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Cerveteri, domani e domenica in Piazza Santa Maria la Festa dell'Olio nuovo

Attualità

Covid, in Italia 17.030 nuovi casi e 74 decessi: il bollettino di venerdì 3 dicembre 2021

Attualità

Covid, nel Lazio 1.493 nuovi casi e 7 decessi: il bollettino di venerdì 3 dicembre 2021

Attualità

Natale Caerite 2021: 34 appuntamenti tra concerti e teatro

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.