fbpx
NotizieUncategorized

Un cittadino di Ladispoli tra i dipendenti dell’Hilton preoccupati per l’esternalizzazione

65 Condivisioni

Un cittadino di Ladispoli tra i dipendenti dell’Hilton preoccupati per l’esternalizzazione

Molti di loro sono in cassa integrazione già da marzo, dall’inizio dell’emergenza sanitaria e dalle varie restrizioni imposte dal Governo per limitare la diffusione del covid. E ora su di loro pende una nuova spada di Damocle, quella dell’esternalizzazione dei dipendenti.

Protagonisti della vicenda sono i lavoratori del Rome Cavalieri Waldford Astoria di Roma, a Monte Mario. L’Hilton ha deciso di esternalizzare i dipendenti che si occupano di alcuni dei servizi all’interno della struttura ricettiva, affidandoli così a delle cooperative. E la preoccupazione di veder sfumare i diritti acquisiti negli anni, o addirittura di essere impiegati altrove, sale a dismisura, creando incertezze per il futuro tra i lavoratori. E così, ieri mattina si sono dati appuntamento davanti alla struttura alberghiera a Monte Mario in un sit in di protesta. 

Tra loro, a protestare, ieri mattina, c’era anche il ladispolano Donato. Donato lavora al Rome Cavalieri Waldfor Astoria da ben 18 anni, dal 2003. Il suo settore, al momento, quello della ristorazione sommelier, non è stato ancora toccato, ma si teme che la struttura possa intraprendere la strada della terzializzazione anche per tutte le altre mansioni al suo interno, andando così a mettere in seria difficoltà tutti i suoi dipendenti, molti dei quali in cassa integrazione da un anno a causa dell’emergenza sanitaria. «I lavoratori protestano perché non accettano questa terziarizzazione», ha spiegato il segretario generale di Confintesa Smart, Alfredo Magnifico presente al sit in di protesta a Monte Mario.

«Da una parte l’azienda sembra voglia dare ai lavoratori tutte le garanzie possibili – ha proseguito – rispetto alle società che entrano, dall’altra, con la pretesa di un accordo tombale del rapporto con l’Hilton, è come se si lavasse le mani. I lavoratori rischiano che le aziende li assorbano nelle loro attività, magari, inizialmente, con gli stessi diritti e poi togliendoglieli». Accettare l’esternalizzazione dei servizi, per Magnifico, è come «rinunciare alle battaglie e alle conquiste che hanno maturato all’interno dell’Hilton».

E la preoccupazione, proprio come raccontato da Donato, è che l’azienda non si fermi qui e che tutti i settori all’interno della struttura ricettiva passino a terzi. Una spada di Damocle sulle teste dei lavoratori già in crisi a causa dell’emergenza sanitaria e delle restrizioni imposte dal Governo, con le famiglie che ad oggi, si rimboccano le maniche per cercare di continuare a dare sostentamento ai propri cari.

65 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàEvidenzaNotizieSport e Salute

Ippocrate Centro Medico Specialistico ha aperto a Ladispoli

Notizie

Coronavirus, oggi in Italia 13.114 nuovi casi e 246 decessi

Notizie

Coronavirus, oggi nel Lazio 1.044 nuovi casi e 28 decessi

Notizie

Coronavirus, 27 nuovi casi sul territorio: 8 a Ladispoli e 4 a Cerveteri

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.