fbpx
 
 
CittàEconomiaNotizie

Estate a Ladispoli, boom di prenotazioni per gli stabilimenti balneari

Secondo Assobalneari, già l’80% dei posti sarebbe prenotato. Escluso il lungomare Regina Elena, la costa è tutta balneabile. Investimenti su sicurezza ed erosione.

Estate a Ladispoli, boom di prenotazioni per gli stabilimenti balneari –

Boom di prenotazioni negli stabilimenti balneari di Ladispoli: secondo Assobalneari, già l’80% dei posti è stato prenotato.

Forse a dare impulso a questo trend è stato l’effetto di due anni di pandemia che hanno ridotto molto i viaggi all’estero: chi va in vacanza, ha ripreso a scegliere località estive in Italia e non troppo lontane da casa.

Il turismo balneare di Ladispoli sembrerebbe saldamente costituito da vacanzieri provenienti dalla Capitale.

Per gli imprenditori del settore è una notizia senza dubbio confortante, soprattutto dopo anni decisamente difficili: la possibilità è nel “tutto esaurito” nei fine settimana, anche se questo comporterà qualche problema per tutti coloro che cercheranno di effettuare spostamenti dell’ultimo minuto, senza programmazione.

In somma, il turista “mordi e fuggi”, potrebbe incorrere in qualche stabilimento costretto a non poterlo fare neanche entrare.

Anche il Presindente di Assobalneari Ladispoli-San Nicola, Ugo Boratto, lo ha sottolineato: “C’è molta richiesta soprattutto per quelli stagionali. Segno evidente che i romani partono difficilmente altrove, preferiscono la tranquillità del nostro litorale. L’80% come statistica è veritiera”.

Uno abbonamento stagionale a Marina di San Nicola può arrivare anche a costare 1.500 euro, con tre lettini. A Ladispoli, invece, già alcuni stabilimenti parlano di tariffe stagionali attorno ai 1.200 euro e mensili da 450 euro, praticamente gli stessi dell’anno scorso.

Il problema dell’erosione

“Purtroppo, è vero – dice Marco Lazzeri, proprietario del “Tritone” – e lo spazio ne risentirà, mentre al contrario stanno finendo le prenotazioni”.

“Giorni fa è arrivato il nuovo regolamento anti-Covid per sancire la fine dell’emergenza sanitaria. Per sicurezza manterremo sempre le distanze come lo scorso anno tra un ombrellone e l’altro”, spiega Lazzeri.

Ladispoli sta correndo ai ripari con progetti specifici: “Abbiamo visionato il progetto – dice Maurizio Milani, titolare del Bep Bop A Lula in via Marina di Palo – e speriamo possano mettere un paio di scogliere anche in questo tratto”.

Sicurezza e balneabilità

Il Comune di Ladispoli ha stanziato un importante investimento, unito ad un contributo regionale, per potenziare i servizi delle spiagge libere: dalle passerelle alle sedie job per i disabili.

A questo si aggiungono le torrette di salvamento proprio per i tratti di costa ad accesso libero.

La costa da controllare non è poca: l’acqua a Ladispoli risulta balneabile, tranne che nel tratto antistante il lungomare Regina Elena, compreso tra i due fossi, il Vaccina e il Sanguinara.

Claudio Lippi

Post correlati
CittàCultura

Cerveteri, si conclude la 15a edizione del Forum delle Scuole

CittàCronacaNotizie

Guidonia, incidente tra due auto: grave un bambino di tre anni

NotizieSalute

Influenza, nel Lazio un piano di vaccinazione capillare con il Pnrr

CittàSport

Civitavecchia, terzo posto ai regionali under 16 eccellenti per VolleySì

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.