Città

Cerveteri, al Granarone ‘Vite Interrotte’: un pomeriggio contro il Femminicidio

36 Condivisioni

Domenica 10 marzo alle ore 17.00 la presentazione del libro di Sandro Serafini. Modera e organizza l’evento, Romina Simeone, Delegata del Sindaco e portavoce di Maraa Onlus

Cerveteri, al Granarone ‘Vite Interrotte’: un pomeriggio contro il Femminicidio – Riceviamo e pubblichiamo

Dall’inizio del 2019 sono già 5 le donne assassinate dai compagni.

Nel 2018 furono 69. Accanto alle mamme maltrattate nel 48,5% dei casi ci sono anche i bambini.

Numeri allarmanti, sui quali riflettere, discutere e porsi delle domande.

In occasione della Settimana in cui ricorre la Giornata Internazionale della Donna, l’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri patrocina la presentazione del libro di Sandro Serafini ‘Vite Interrotte’, che si terrà domenica 10 marzo alle ore 17.00 presso l’Aula Consiliare del Granarone.

Ad organizzare l’evento, di cui ne sarà anche moderatrice, la Delegata del Sindaco e portavoce di Maraa Onlus Romina Simeone.

Cerveteri, al Granarone ‘Vite Interrotte’: un pomeriggio contro il Femminicidio

“Vite Interrotte è un dossier che ripercorre i casi più inquietanti, più sconvolgenti e atroci del femminicidio – spiega Federica Battafarano, Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri – si partirà dalla storia di Serena Mollicone, di cui ancora non si conosce il nome del suo assassino, per poi passare alle storie di Valentina Salamone al caso di Lidia Macchi, fino alla storia di Nicole Lelli e di Marta Deligia. Nel libro, trova spazio anche la vicenda di Sofia Melnik, la bella ucraina trovata in un dirupo dilaniata dagli animali selvatici, che si sono nutriti del suo corpo privo di vita, e il caso di Carlotta Benusiglio.

Completano il quadro narrante le vicende di Michela Deriu, Nicolina Pacini, Erika Preti, Noemi Durini e Maria Ungureanu”.

Introdurrà l’evento, oltre al Sindaco Alessio Pascucci e all’Assessora alle Politiche Culturali Battafarano,Lidia Vivoli, Donna sopravvissuta al femminicidio che ha deciso di raccontare la sua storia in giro per l’Italia affinché si comprenda in pieno cosa significhi essere violate nel corpo e nella mente e vivere nella paura.

Un approfondimento, dettagliato su una piaga allarmante, che fa paura, all’interno della società di oggi e sul quale, soprattutto oggi, non si può voltare le spalle. 

36 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittàCronacaNotizie

Ladispoli, Torre Flavia. Iniziati i rilievi per la bonifica da ordigni bellici

AttualitàCittàCronacapolitica

Trasporti. Patané-Zannola, “Da Pisana mozione per aumento risorse Lazio”

AttualitàCittàCronacaOspitipolitica

Santa Marinella: edilizia agevolata. Il Paese Che Vorrei chiede collaborazione tra Regione e ATER

AttualitàCittàCronacaNotizieOspiti

Sparatoria in Olanda, almeno un morto. Possibile terrorismo?

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista