Informasalute

Asl Roma 4: un progetto sperimentale adottato come prassi metodologica

1 Condivisioni

Una metodica che fu utilizzata nel protocollo sperimentale per analizzare le prestazioni dei bambini di prima elementare nella scrittura e nella lettura

Asl Roma 4: un progetto sperimentale adottato come prassi metodologica – Riceviamo e pubblichiamo

Per più di 20 anni, all’interno del TSMREE ho svolto un progetto in collaborazione con Giuseppe Cossu, titolare della cattedra di Neurologia Pediatrica dell’università di Parma per la prevenzione e la cura dei disturbi della lettura, scrittura e calcolo all’interno della scuola primaria presso l’istituto Barbara Rizzo di Formello.

Si tratta di una metodica, così detta della scomposizione funzionale, che fu utilizzata nel protocollo sperimentale per analizzare mediante uno studio comparativo le prestazioni dei bambini di prima elementare nella scrittura e nella lettura ottenute con la metodica elaborata dal Professor Cossu e quelle con le metodiche tradizionali, correntemente in uso.

Lo studio fu condotto con il supporto dell’insegnante di una classe sperimentale che seguì il percorso didattico di 21 alunni di prima elementare, le cui abilità di lettura e scrittura furono poi comparate con quelle di una classe prima elementare di controllo che aveva appreso la letto-scrittura in modo tradizionale.

I risultati furono stupefacenti: non solo la rapidità di acquisizione e l’accuratezza in lettura e scrittura erano straordinariamente più favorevoli, ma si assisteva a una vera esplosione della creatività linguistica degli alunni del gruppo sperimentale a testimonianza dell’intreccio inscindibile tra linguaggio e ortografia.

Da questa prima fase, presentata in una tesi sperimentale realizzata dalla dottoressa Alessandra Cutruneo, logopedista della Asl Roma 4, sotto la guida del Professor Tullio De Mauro titolare della cattedra di linguistica generale all’Università La Sapienza di Roma e Giuseppe Cossu è nata la metodica della scomposizione funzionale.

L’evoluzione di questo lavoro ha condotto alla elaborazione di due metodiche di insegnamento, per la lettura, la scrittura e il calcolo che costituiscono un ponte tra neuroscienze e didattica.

La prima presentazione di questi metodi in Italia si terrà a Napoli al Museo Filangieri il 22 febbraio pv alle ore 9,30.

Il progetto ora, terminata la fase sperimentale, diventa una prassi metodologica sia per bambini con deficit a carico dei meccanismi di apprendimento (che tagliano trasversalmente tutte le patologie che affliggono i piccoli pazienti utenti dei nostri servizi) sia per bambini a sviluppo tipico.

La giornata alla quale parteciperà anche l’Assessore all’Istruzione del Comune di Napoli e la stampa, è stata organizzata grazie all’Associazione Italiana Formatori in quanto il Presidente della delegazione campana, dottoressa Diana Negri, ha creduto fortemente in questo progetto e ha voluto che emblematicamente fosse presentato nella splendida cornice del Museo di Napoli creato alla fine dell’800 dall’intellettuale napoletano Gaetano Filangieri, considerato uno dei primi formatori mondiali.

1 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittàInformasalute

Cerveteri, al Granarone un corso formativo gratuito con i Volontari AVO: come prendersi cura delle persone fragili?

CittàInformasalute

Asl Roma 4, disponibile la prestazione OCT: prenotazioni dal 21 marzo

CittàInformasalute

Asl Roma 4: il 14 marzo la Giornata Mondiale del Rene

CittàInformasalute

La Guardia Costiera di Civitavecchia aderisce all'iniziativa della Croce Rossa 'Dona il sangue salva una vita'

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista