fbpx
CittàCronacaNotizie

Nuova autopsia per il parà Scieri

6 Condivisioni

La decisione è stata presa dalla Procura di Pisa nell’ambito della nuova inchiesta che vuole accertare le cause della morte del paracadutista siciliano di 27 anni il cui corpo è stato trovato il 16 agosto 1999 alla caserma Gamerra di Pisa

Nuova autopsia per il parà Scieri –

Sta per essere riesumato il corpo del parà Emanuele Scieri, il paracadutista in servizio a Pisa trovato morto il 16 agosto 1999.

A decidere la riesumazione del corpo la Procura di Pisa nell’ambito della nuova inchiesta – come riportano Le Iene – che vuole accertare le cause della morte del paracadutista siciliano di 27 anni.

Per l’accusa Scieri sarebbe stato picchiato da commilitoni e costretto a salire su una scala di 10 metri da dove è precipitato.

Il suo corpo sarebbe stato nascosto per giorni.

Per la morte di Scieri è stato arrestato ad agosto del 2018 Alessandro Pannella, l’ex caporal maggiore della Folgore, di Cerveteri, ex caporale della Folgore.

Pannella era stato fermato prima di rientrare negli Stati Uniti.

L’uomo è infatti anche un cittadino americano e stava per far ritorno al Nuovo Continente.

LA RICOSTRUZIONE:

E’ il 13 agosto 1999. Emanuele viene visto alla “Gamerra” per l’ultima volta.

Da una settimana ha fatto il suo giuramento come parà e dopo cena decide di uscire per Pisa con un gruppo di commilitoni.

Intorno alle 20 fa due chiamate: una alla madre e una al fratello.

Questa sarà l’ultima volta che i familiari lo sentono.

Alle 22 il parà sarebbe rientrato in caserma ma da quel momento e fino al ritrovamento del corpo, tre giorni dopo, non c’è traccia di lui.

La richiesta della Procura di riesumare il corpo ha come obiettivo quello di fare chiarezza una volta su tutte sulle cause della morte del parà.

Per l’accusa se Emanuele fosse stato soccorso subito si sarebbe potuto salvare.

6 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCronaca

Controlli serrati della Polizia Ferroviaria nelle stazioni del Lazio

Notizie

Ladispoli, sabato la 'serata Vintage'

AttualitàCittà

Santa Severa, sabato al Castello arriva Enrico Montesano

Notizie

Progetto Consorzio: soddisfatto il comitato "Cittadini per Cerenova"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista