fbpx
 
CittàEvidenzaNotiziepolitica

Grando a Pascucci: ”Altro che sassi, le scarpe piene di bugie”

La replicla del Sindaco di Ladispoli al collega di Cerveteri sul Jova Beach Party

Grando a Pascucci: ”Altro che sassi, le scarpe piene di bugie” – Dopo la nota di questa mattina del Sindaco Pascucci che, a suo dire, ha ‘tirato fuori le carte’ sulla vicenda Jovanotti, arriva secca la risposta del Sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando:

“Mi segnalano un interessante post del sindaco di Cerveteri, noto nell’ambiente politico per essere una delle persone più scorrette che ci siano, nel quale vengo tirato in ballo sulla questione del concerto di Jovanotti.

Partendo dal presupposto che ho cose molto più importanti da fare e che non sono alla ricerca della visibilità quotidiana che invece sembra letteralmente ossessionare il collega di Cerveteri, non posso permettere a chiunque, men che meno a un Pascucci qualsiasi, di fare affermazioni che offendano la mia persona.

Mi vedo quindi costretto a sbugiardare Pascucci per quanto scritto nei miei riguardi, e anche ad aggiungere altri dettagli che fino ad ora avevo tenuto per me per il bene del territorio.

Il giorno seguente l’annullamento del concerto a Torre Flavia ho ricevuto la chiamata di un assessore del Comune di Cerveteri, il quale mi chiedeva informazioni circa la possibilità dello spostamento dell’evento a Campo di Mare.
Non avendo potere decisionale, ma avendo i contatti dell’organizzazione, terminata la telefonata ho chiamato immediatamente il referente della società THE BASE, riportando il contenuto della telefonata precedente e suggerendo di valutare la cosa.

Jovanotti. Cerveteri rimpiazza Ladispoli
Jovanotti. Cerveteri rimpiazza Ladispoli

Faccio presente che il sottoscritto non ha mai avuto contatti con la società TRIDENT, la richiesta di organizzare il concerto e tutti i contatti con il Comune sono sempre stati solo ed esclusivamente con la società THE BASE, che approfitto per ringraziare nuovamente per la serietà dimostrata nei rapporti intercorsi.

Pochi giorni dopo quella chiamata, e comunque prima di Natale, sempre il referente di THE BASE, mi informava che avevano valutato in maniera positiva Cerveteri e che ci saremmo incontrati con il sindaco del comune limitrofo per concordare i dettagli e la comunicazione, visto che l’evento avrebbe interessato necessariamente anche il nostro comune.

Il 28 dicembre, quindi, il sindaco di Cerveteri non mi ha messo al corrente proprio di nulla. Sapevo già tutto e, tra l’altro, ci eravamo anche sentiti telefonicamente quando lo avevo chiamato per fargli i complimenti.

Perché raccontare una bugia sul fatto che il 28 dicembre mi avrebbe messo al corrente della situazione? Onestamente non lo capisco, sarà una deformazione professionale del soggetto in questione…

La notizia dello spostamento del concerto, come spesso accade, nel frattempo era arrivata all’orecchio di qualche giornalista locale, in particolare di Luigi Cicilinni di Centro Mare Radio, il quale mi aveva contattato per dirmi che il giorno seguente avrebbe fatto uscire lo scoop.

Visto che sono una persona corretta, e visto che la riservatezza era importante in quel momento, ho chiamato il sindaco di Cerveteri per informarlo della questione. Entrambi abbiamo chiesto al giornalista di Ladispoli di aspettare che fosse Jovanotti a dare l’annuncio e gli abbiamo promesso che successivamente, per recuperare, gli avremmo dato le nostre dichiarazioni in esclusiva.

Luigi Cicillini, da persona per bene qual è, ha accettato di non pubblicare una notizia che gli avrebbe fatto sicuramente molto comodo.

Successivamente mi richiamò Cicillini per dirmi che anche il Messaggero era venuto a conoscenza delle novità sul concerto. 
Chiamai nuovamente il sindaco di Cerveteri dicendogli che con il Messaggero sarebbe stato più difficile tenere segreta la cosa.

Lui mi rispose, lo ricordo perfettamente: “Se ne assumeranno la responsabilità, se mi chiama qualche giornalista io rispondo solo NO COMMENT”.

Io dissi che avrei fatto altrettanto.

La sera stessa di quel colloquio uscì un articolo su una testata giornalistica dove veniva annunciato lo scoop dello spostamento del concerto e in cui il sindaco di Cerveteri, intervistato, rispondeva: “Siamo stati contattati per ospitare Jovanotti nella nostra città e ci siamo messi a disposizione del suo staff, si sono svolti nei giorni scorsi dei sopralluoghi per valutare gli aspetti tecnici”.

Ma come? Non doveva essere un secco NO COMMENT?

A Luigi Cicillini di Centro Mare Radio e ad Emanuele Rossi del Messaggero avevamo chiesto riservatezza e a un altro giornale veniva rilasciata una dichiarazione in esclusiva?

Non ci si comporta così!

Forse il sindaco di Cerveteri ha dei rapporti “privilegiati” con alcuni organi di stampa che vuole mantenere tali e se ne infischia della parola data ad altri professionisti del settore.

Letta la notizia sulla stampa non ho fatto altro che scrivere un post sulla mia pagina Facebook in cui affermavo di aver suggerito all’organizzazione di valutare l’ipotesi Campo di Mare, e lo ribadisco, e che mi dichiaravo felice per il fatto che il concerto poteva svolgersi a Cerveteri.

Non ho fatto nessun annuncio, ho parlato del concerto solo dopo che il sindaco di Cerveteri aveva rilasciato delle dichiarazioni pubbliche, non ho messo a repentaglio proprio nulla e soprattutto ho sempre mantenuto la parola.

Pur non avendo nessuna responsabilità diretta il giorno seguente ho ritenuto doveroso contattare sia Cicillini che Rossi, scusandomi personalmente per aver chiesto riservatezza insieme ad un soggetto del tutto inaffidabile come Alessio Pascucci.

Il sindaco di Cerveteri, a distanza di quasi un mese, torna a fare inutile polemica su questa vicenda. Evidentemente ha tempo da perdere, o forse è alla continua ricerca di quel bagno di visibilità che potrebbe assicurargli il salto politico a cui da tempo ambisce.

Gli faccio i miei auguri e spero che ci riesca in fretta, soprattutto per il bene di Cerveteri…”

Alessandro Grando

P.S. Se Pascucci, con la sua uscita odierna, sperava di acquisire popolarità e di essere considerato come il salvatore della Patria, è invece riuscito a fare l’ennesima brutta figura e ad essere smentito punto su punto.

P.P.S. Non mi risulta che il vice sindaco sia stato smentito dal WWF, semmai il contrario. È stato infatti dichiarato che verrà effettuata la valutazione di incidenza che il vice sindaco Perretta richiedeva. Restiamo in attesa del responso di tale procedura.

P.P.P.S. Oscar Wilde, tanto caro a Pascucci, diceva: “Perdona sempre i tuoi nemici. Nulla li fa arrabbiare di più”.

E io Alessio ti perdono!

Post correlati
AttualitàCittàCultura

Caere: quando una grande metropoli si perde nella nebbia della Storia. Ovvero il legame indissolubile tra la città dei vivi e la città dei morti

Notizie

Il prossimo 5 febbraio 2023 autovelox su A12 Roma-Civitavecchia

politica

Ladispoli, Governo Civico: "Grando vacilla sotto il suo atteggiamento autoritario"

Città

Civitavecchia, l'assessore Napoli: "Un tavolo inclusivo al Parco della Resistenza"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Vale la pena leggere ...
Jova Beach Party, Pascucci scatena la guerra con Grando