fbpx
 
AttualitàCittàNotizie

Cinghiali, il capo di gabinetto della Regione Lazio invoca gli abbattimenti

Comparotto, leader OIPA Italia: «Il presidente di Federcaccia ha avuto incontri interlocutori con rappresentanti regionali. Chiediamo di essere sentiti anche noi. Dare voce alle associazioni protezionistiche non dovrebbe essere un’opzione, ma un dovere»

Il capo di Gabinetto della Regione Lazio, Andrea Napoletano, ha dichiarato oggi che per “creare zone di vuoto” a Roma occorrerà procedere ad “abbattimenti selettivi” dei cinghiali come ipotizzato ieri dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa (v. Trg Lazio Rai di oggi h 14). Lo rende noto L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) contraria a uccisioni che, com’è noto in ambienti scientifici, non farebbero che rafforzare la presenza della specie.

Cinghiali, il capo di gabinetto della Regione Lazio invoca gli abbattimenti
Cinghiali, il capo di gabinetto della Regione Lazio invoca gli abbattimenti

«Il presidente di Federcaccia ha già avuto incontri interlocutori con rappresentanti regionali e ha messo a disposizione i suoi iscritti per il contenimento degli ungulati. Chiediamo di essere sentiti anche noi. Dare voce alle associazioni protezionistiche non dovrebbe essere un’opzione, ma un dovere», dichiara il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. «Come attesta un parere chiesto agli esperti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa),  “la caccia non è uno strumento efficace per ridurre le dimensioni della popolazione di cinghiali selvatici in Europa”. Di più: in generale i cacciatori, con le loro prassi di eviscerazione, possono diffondere in maniera incontrollata il virus della Psa, innocuo per l’uomo, e degli altri agenti patogeni di cui le prede potrebbero essere portatrici».

L’Oipa sottolinea come la causa principale dell’aumento della presenza dei cinghiali a Roma sia l’annosissima emergenza rifiuti, diventata in questi ultimi anni molto grave. Roma è la città più verde d’Europa ricca di fauna selvatica, che dovrebbe essere considerata una risorsa da gestire nel rispetto della vita e non un nemico da combattere.

«La questione va in maniera scientifica. Un serio piano di sorveglianza e prevenzione si può attuare non armando i cacciatori, persino deregolamentandone l’attività, ma con un monitoraggio sanitario degli animali morti che si trovino nel territorio nazionale», continua Comparotto. «Studi scientifici affermano che agli abbattimenti segue un moltiplicarsi di cucciolate. Lo ripetiamo: a Roma il problema sono i rifiuti, non i cinghiali».

Post correlati
AttualitàCittà

Il concorso per l’abilitazione e il reclutamento dei docenti di enogastronomia e sala/bar si svolgerà all’Istituto Alberghiero di Ladispoli

CittàNotizie

A Santa Marinella e Santa Severa parte il servizio di guardia medica per l'estate 2022

CalcioCittàSport

Il Borgo San Martino punta alla campagna abbonamenti con prezzi popolari

Notizie

La città brucia ma mancano mezzi e uomini per intervenire: la denuncia dei Vigili del Fuoco

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.