fbpx
AttualitàCittàCronacapolitica

Cerveteri, Orsomando – De Angelis: ‘Pascucci, querelaci pure!’

61 Condivisioni

I Consiglieri: “Se difendere i lavoratori e il territorio significa farsi querelare dal Sindaco e la sua Assessora. Fate pure, preferiamo sempre la difesa della comunità che rappresentiamo”.

Cerveteri, Orsomando – De Angelis: ‘Pascucci, querelaci pure!’ –

E’ di ieri l’altro la notizia che il Sindaco Pascucci e la sua Amministrazione vorrebbero querelarci per “scellerate e indegne bugie che diffamano l’intero Ente” pur sapendo che le nostre, come sempre, non sono illazioni ma ordinarie considerazioni e azioni di natura prettamente politica a difesa del territorio e di tutti i cittadini.

Di certo non tremiamo di paura di fronte a queste minacce anzi, lo aspettiamo  a braccia aperte su questo nuovo campo di battaglia e, nel frattempo, respingiamo al mittente tutto quello che ha scritto (fango e offese comprese).

 E’ però un sindaco dalla memoria corta al quale occorre rammentare che Lui SI che più di una volta, sia in Consiglio che fuori, ci ha additati e offesi uno per uno facendo nomi e cognomi dicendo che siamo indegni di ricoprire il posto di consiglieri comunali, andando sul personale.

Lo ribadiamo, Noi siamo assolutamente degni, rappresentiamo tanti cittadini che ci hanno votato, andiamo avanti sulla nostra strada e rispondiamo ai nostri concittadini e alla nostra coscienza. 

E’ opportuno precisare che non vi è stato, da parte nostra, nessun attacco alla sfera personale di chi oggi si attacca al ”fumo della pipa” per non ammettere di aver sbagliato, vi sono state, invece, critiche politiche e approfondimenti delle situazioni che il ruolo di consiglieri comunali ci impone di controllare e denunciare, sulle quali vigileremo, ora come in futuro e  sempre, senza farci intimidire da minacce e aggressioni mediateche come quelle di queste ore.

E’ quindi giusto, dopo gli attacchi del Sindaco e di alcune forze politiche verso di noi, fare chiarezza alla nostra città e, proprio perché non siamo “strumentalizzatori e bugiardi seriali” (come ci ha definito), per il bene di Cerveteri e dei cervetrani, non scenderemo nel campo di una sterile diatriba, delle offese ricevute e dei toni utilizzati dal Sindaco stesso ma, ci corre l’obbligo evidenziare, alcuni importanti passaggi che “paradossalmente” rafforzano le nostre ragioni tanto da consentirci, se la situazione degenera, di presentare noi stessi delle “corpose” querele in merito. 

Rompiamo quindi, questo nostro silenzio analizzando le offensive “false affermazioni” ricevute e dando a queste delle risposte “reali” proprio perché non esistono “cinque falsità” ma altre evidenti “realtà amministrative” che dovrebbero imporre una seria riflessione a tutti quei gruppi politici di centrosinistra che oggi ci attaccano sulla stampa così “sfacciatamente” richiamando il confronto su i temi e non sulle offese personali e che poi, in Consiglio Comunale, fanno sistematicamente scena muta da bravi alzatori di mano offendendoci con il loro silenzio e dando un bel calcio all’agognato confronto sulle tematiche; vi chiediamo di riflettere attentamente  anche in virtù delle recenti testimonianze stampa delle ultime ore, da parte di chi era presente, dei commenti social e quant’altro a nostro favore oppure volete negare l’evidenza anche qui ? .

Facciamo luce e partiamo dalla  “prima falsa affermazione” contestata; a noi risulta chei tre lavoratori abbiano ricevuto delle telefonate con le quali si preannunciava il licenziamento tanto da far insorgere gli stessi (e forse altri), la mattina del 01 marzo, con un evidente stato di agitazione sino a prospettare un eventuale blocco del cantiere di Cerveteri per arrivare poi, nella stessa giornata del 1/03/19 (dopo il nostro articolo), alla rapida reintegrazione dei medesimi lavoratori.

E allora le domande nascono spontanee a chi ci minaccia querela: Perché i lavoratori avrebbero dovuto protestare e indignarsi se erano state date ampie garanzie di rinnovo contrattuale ? Perché i lavoratori avrebbero apprezzato e, alcuni di loro, condiviso la nostra azione politica (il nostro articolo) se non vi era stato alcun licenziamento e la loro riassunzione era già stata prevista dagli accordi Comune-ASV/Camassa-Sindacati ?.  

Un tale comportamento non avrebbe avuto alcun senso è quindi chiaro che forse quanto affermato dal Sindaco e dall’Assessora non è proprio così rispondente a quanto accaduto. 

Come probabilmente, qualcuno, non ha letto o compreso un articolo stampa uscito in data 02  marzo, con il quale, un giornalista presente durante le proteste dei lavoratori, scrive (testuali parole) ”….l’atteggiamento dell’assessore che con fare smarrito dice candidamente che lei non sapeva niente…..” (riferendosi all’Assessora Gubetti e alla situazione licenziamenti) confermando, in questo modo, che questa “coppia di bugiardi seriali” proprio cosi bugiarda non è, come non sono proprio così mendaci le nostre affermazioni quando abbiamo detto di una “caduta dal pero” riferendoci all’Assessora che non sapeva nulla di tutta quella situazione e, sinceramente, non ci sembra proprio che si è trattato di  “illazione” anzi è la conferma di quanto accaduto (proprio il contrario di quello che il Sindaco vorrebbe far credere a chi legge). 

Come non sappiamo se trattasi di presunte perdite di memoria o la non conoscenza dei fatti quando, in un’intervista della mattina del 1 marzo, la stessa assessore Gubetti, raggiunta telefonicamente, dichiara : ”Illazioni. Da domani saranno di nuovo in servizio” (riferendosi al 02 marzo) quando, invece, gli stessi lavoratori stavano per essere reintegrati nel pomeriggio della medesima data del 01 marzo, situazione confermata su un social anche da un commento di un lavoratore, ciò significa che nessuno aveva avvertito l’Assessora oppure che il “famoso” tavolo di contrattazione non è poi così famoso e aperto ?.

Con la presunta “seconda falsa affermazione” a noicontestata, il Sindaco o fa finta di non sapere smentendo prima la sua stessa Assessora che aveva da poco dichiarato “….L’amministrazione, conclude l’assessore, è sempre attenta al tema lavoro ed ha un tavolo permanente di dialogo con la CAMASSA ASV”…” e poi smentisce addirittura se stesso dichiarando “…i cui contratti erano stati oggetto di discussione nel tavolo avviato dall’Amministrazione con i Sindacati e l’Azienda…” e ancora “…..La società Asv nel corso del tavolo aveva fornito rassicurazioni sul fatto che i tre dipendenti avrebbero continuato a lavorare..”  oppure,anche in questo caso, il Sindaco ha la memoria corta difatti ci viene da domandare :, se l’Amministrazione non può e non deve intervenire sulle politiche assunzionali delle aziende appaltatrici, come mai l’Amministrazione ha fatto un “tavolo permanente” di concertazione e di dialogo con la Camassa ASV e i sindacati ?.  

Ma Noi, avendo prove certe e dichiarazioni, sappiamo che c’è di più !

Andiamo alla “terza falsa affermazione”, alla quale tentano erroneamente, di dare una connotazione di “diffamazione”  e con la quale,invece, ci offende pesantemente ripetendo che”…. oltre a essere degli strumentalizzatori sono anche dei “diffamatori seriali” che dimostrano di non avere alcuna conoscenza dei più elementari procedimenti amministrativi….”  cercando dispostare l’attenzione su adempimenti obbligatori di approvazione del bilancio che, purtroppo per Lei, ben conosciamo e sviando il discorso della Tari della quale abbiamo soltanto spiegato un probabile presunto effetto dicendo “….che se aumentata in maniera consistente e approvata a “mestiere” potrebbe poi offrire l’escamotage e la possibilità di assumere o meglio comandare altro personale oltre che aumentare ulteriori servizi (probabilmente fuori bando) senza migliorare quelli esistenti (previsti dal bando) che sono ai minimi termini…..”,  e  un analisi politica di questo tipo è per Lei un offesa, una diffamazione ?.  Siamo proprio curiosi di vedere se la TARI, nel Consiglio Comunale del prossimo 21 marzo,  scenderà oppure salirà e le relative motivazioni di tali scostamenti. 

Con la “ quarta falsa affermazione”, il Sindaco “sommo maestro” cirimprovera dandoci dei superficiali per un banale refuso, perché abbiamo citato Siena e non Arezzo, ha ragione ma la sostanza poco cambia visto che la distanza chilometrica tra Cerveteri e Siena è di circa di 273 km  e quella tra Cerveteri e Arezzo è di circa 257 km. con tempi di percorrenza (per i camion) che variano dalle  2.30 alle 3.20 ore (tra andata e ritorno circa 6 ore). E quindi, dove è l’illazione ?. 

Non è forse vero che ad Arezzo,località “lontanissima” ma a Lei ben nota da immemore tempo, gli autisti vengono spediti a scaricare rifiuti, solitamente iCER 200108 (Rifiuti biodegradabili di cucine e mense) alla AISA impianti SpA che è quindi un centro di “conferimento lontanissimo” ?. 

Ci scusi, ma non Le sembra che, anche in questo caso, ha preso una “cantonata” ?   Andiamo poi all’ultima offesa che ci ha riservato, con la“quinta falsa affermazione”, parlando di “diffamazione finale della coppia di “strumentalizzatori seriali” e questo soltanto perché ci siamo permessi di criticare politicamente il fatto che l’Amministrazione, per molto tempo, è stata assai indulgente e permissiva con Camassaambiente spa-ASV.   Perchè non è forse vero che le multe e sanzioni inflitte sono veramente poca cosa e quasi inesistenti rispetto agli innumerevoli disservizi e situazioni di non rispetto del capitolato che si sono verificate sul territorio in questi anni ?.

Intanto, però i cittadini pagano e pagano profumatamente.

Poi sicuro di se, Lei dice che i controlli non vengono effettuati dall’Amministrazione ma dal DEC. 

Ma davvero ?.  Ci scusi la nostra “ignoranza”, ma il DEC non è per caso un organo straordinario e temporaneo dell’amministrazione, investito di uno specifico incarico e sul quale ricade la responsabilità per la proficua realizzazione del rapporto negoziale (contratto di gara) ?.  Ma non è forse vero che prima che venissero nominati i due DEC, la medesima mansione di DEC veniva effettuata dal Dirigente RUP (Responsabile Unico Procedimento) Ing. Nunzi regolarmente pagato dall’Amministrazione comunale ?. Ma lei ha mai verificato quante sanzioni, multe, verbali e controlli sono stati fatti prima dal RUP/DEC Nunzi e poi dal DEC Serpieri ? Pensiamo proprio di NO, altrimenti non avrebbe risposto in quel modo. Eppure, non molto tempo fa, le abbiamo pure fatto un interrogazione definendo, nello specifico, momenti e situazioni, sollecitando l’Amministrazione a verificare e intervenire. Forse Lei non lo sa ma, avendo prove e dichiarazioni in merito, abbiamo anche presentato un esposto denunciando situazioni specifiche  e su tempi e tipologie di presunta assenza di intervento da parte del DEC e dell’Amministrazione.

E allora qualcuno ci dovrà spiegare dove sono le “offese” personali in tutto questo e se queste, valutazioni oggettive, si possono chiamare diffamazioni ?.  Pensiamo, invece, che sia proprio un nostro diritto valutare e controllare l’operato di un Assessore e di un Dirigente pagati con i soldi dei cittadini.

Vogliamo terminare, smentendo nuovamente, la sua solita “litania” diffamante che ripete ciclicamentenei nostri confronti, con la quale dice cheOrsomando e De Angelis hanno tentato e stanno tentando di bloccare in ogni modo il finanziamento della strada Lungomare dei Navigatori Etruschi.

Cosa non vera e lo diciamo una volta per tutte, noi non abbiamo bloccato proprio nulla ma abbiamo fatto le interrogazioni perché molti cittadini ci chiedono da tempo quale è la situazione.

Riteniamo di aver fatto soltanto il nostro dovere nel rispetto della Trasparenza e della Legalità presentando alcuni esposti a tutela della collettività, dopo aver verificato gli atti e appurato che Lei, dichiarante e capo dell’Amministrazione, non solo ha probabilmente sbagliato l’iter procedurale ma, al momento del bando (e anche successivamente) sembra non aver avuto i requisiti per partecipare (assenza di comodato, delle deliberazioni di giunta, verbale negativo Audit interno, convenzione non più applicabile, etc.) eppure, malgrado ciò Lei ci accusa dei vari fermi (sono quasi due anni). 

Ricordiamo a chi legge che, subito dopo il bando,(ora ci sfugge se era periodo pre-elettorale), Lei dichiarò di aver già ottenuto i soldi del finanziamento (cosa non vera) dando in pasto su tutti i giornali l’imminente partenza dei cantieri, pur non avendo avuto nessuna reale erogazione economica. 

Se le nostre sono presunte “illazioni e menzogne”, le sue come le chiama bugie, frottole, chiacchere o che altro ?  Oltre alle sue diffamanti offese, respingiamo totalmente anche il “goffo” tentativo di metterci il bavaglio da parte di alcuni suoi gruppi politici di maggioranza che con comunicati stampa di dubbia ”sostanza e profondità” vorrebbero metterci alla berlina ed isolarci per poi farci passare, come presunti bugiardi e mistificatori agli occhi della stampa cercando, in questo modo, di “condizionare” il modus operandi della stessa.

Noi crediamo che con questi metodi avete beceramente calpestato il rispetto della libera informazione e del diritto di critica di ognuno che sono il sale della Democrazia oltre che punti fondamentali della Costituzione.

Riteniamo che simili appelli e/o comunicati stampa sono un insulto e una maldestra offesa, non tanto a noi, ma all’intelligenza dei giornalisti e alla loro libera professione che nel nostro piccolo, a differenza di altri, abbiamo sempre rispettato ci sentiamo, pertanto, di rivolgere ai media e ai giornalisti la nostra solidarietà e la nostra vicinanza indipendentemente dai rapporti interpersonali di ognuno.

Ne avremmo da dire tante altre di cose, con tanto di prove e documenti ma ci fermiamo qui. Ma davvero si può pensare che il Sindaco, solo perché Sindaco possa trattare così delle persone che rivestono un ruolo istituzionale?.

E’ così che questi mestieranti della politica confondono (si spera perlomeno volutamente) il ruolo istituzionale con la persona fisica. La critica politica con l’offesa e l’ingiuria “ad personam”. L’attacco all’operato amministrativo con l’invettiva ad un “modus vivendi” ?.  Questo è il modo di operare di un Sindaco che tiene a cuore più la sua carriera politica che il territorio di Cerveteri.

Salvatore Orsomando e Aldo De Angelis

CONSIGLIERI COMUNALI DI FORZA ITALIA E LEGALITA’ E TRASPARENZA

61 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàNotizie

A Santa Severa 'Il Castello veste la Natura' con l'Ass. Nature Education

Notiziepolitica

Crisi di governo, Salvini replica a Conte: ''Rifarei tutto quello che ho fatto''

CronacaNotizie

Cerveteri, fa strike in Viale Manzoni e scappa

Notiziepolitica

Crisi di Governo, il presidente Conte interviene in Senato

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista