fbpx
CittàNotiziepolitica

Santa Marinella, Tidei: “Sulla Tari tanto ‘fumus confusionis’ della destra”

Il primo cittadino della Perla del Tirreno: “Malgrado gli aumenti possiamo dire che nessun commerciante di S. Marinella pagherà la Tari  più della media dei comuni vicini”

Santa Marinella, Tidei: “Sulla Tari tanto ‘fumus confusionis’ della destra” –

Il sindaco di Santa Marinella fa chiarezza sugli aumenti in vista per i cittadini della Perla del Tirreno per quanto riguarda la Tari e sulle accuse lanciate dal centrodestra.

“Non è più tempo di nascondersi e sulla Tari 2019 non l’hanno fatto né la maggioranza né le opposizioni che si sono astenute.

Assistiamo invece al tentativo di speculare sullo stato di difficoltà di famiglie e commercianti, ma dietro il “fumus confusionis” compare la manina del centrodestra responsabile del dissesto.

La Tari 2019 costerà ai santamarinellesi 6,1 milioni contro i 5,4 di quella del 2018. 

Le voci in aumento sono tre: aumento dei costi di discarica, (300 mila) costo dei mancati pagamenti delle ingiunzioni e accantonamento al fondo crediti dubbi (530 mila euro).

Prima non c’erano crediti (ne abbiamo trovati 4 milioni e mezzo inesigibili) e non c’erano dubbi… pagava Pantalone.

I costi – spiega Tidei – sono stati distribuiti sulla base di una auto certificazione fornita dalla Gesam che ha attribuito il 77 per cento dei costi variabili alle utenze domestiche e il 23 a quelle domestiche.

Con il centrodestra le famiglie sopportano l’84 per cento dei costi, (tanto poi nessuno andava a chiederglieli).

Oggi, ricordiamolo sulle famiglie grava l’ aumento del 700 per cento dell’Irpef ai massimi livelli di legge per il dissesto, ovvero quasi 2 milioni in più.

Lotta all’evasione: fatta. Sono stati scovati 500 evasori totali grazie ai controlli incrociati Comune/Gesam. 

Recupero delle somme non dovute: fatto.

Sono circa 140 mila euro al mese, ma per legge vanno a ripianare i debiti del dissesto.

E’ velenoso e codardesco invece continuare a raccontare che su alcune categorie commerciali ci sarà un aumento è del 40, 50%.

Erano le categorie protette dal centrodestra, i loro clienti, il loro serbatoio di voti.

Prendiamo un esempio preciso, chi pagava 10 euro al metro quadrato.

Oggi pagherà 17,6 euro. In percentuale un aumento considerevole, ma a ben guardare in assoluto si tratta di 200 euro l’anno e la stessa categoria paga 19,9 euro al metro quadrato a Civitavecchia e 23,4 a Ladispoli. 

E malgrado gli aumenti – conclude Tidei – possiamo dire che nessun commerciante di S. Marinella pagherà la Tari  più della media dei comuni vicini (Tarquinia, Ladispoli, Civitavecchia) e questo per salvaguardare la competitività delle nostre attività produttive.

A fatti, non a chiacchiere e soprattutto avendo cura dei contribuenti e del loro denaro cosa che anche gran parte dell’opposizione ha riconosciuto astenendosi sulla manovra”.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerveteri, la Lega attacca Pascucci e la Raggi: "Sono i responsabili della situazione del Mattei"

Notizie

Santa Marinella, firmato protocollo Regione - comune per la valorizzazione dei beni di Santa Severa

Notizie

Meteo, brusco peggioramento nel weekend

Notizie

Ladispoli, protocollato il progetto definitivo del palazzeto dello sport

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?