fbpx
 
Città

PD Santa Marinella Santa Severa: Passa la mozione “VOTO DOVE VIVO” illustrata dalla capogruppo Fratarcangeli

Nell’ultimo Consiglio Comunale è stata approvata la mozione “Voto Dove Vivo”, illustrata dalla consigliera del PD Fratarcangeli, per consentire l’esercizio del diritto al voto ai cittadini “fuorisede”

Nell’ultimo Consiglio Comunale è stata approvata la mozione “Voto Dove Vivo”. La mozione illustrata dalla consigliera capogruppo del PD, Paola Fratarcangeli, fa riferimento alla proposta di legge n.1714 del 2019 relativa alla modifica delle procedure elettorali per consentire l’esercizio del diritto al voto ai cittadini “fuorisede”. La mozione, votata solo dalla maggioranza, impegna l’Amministrazione ad avviare un’azione di sensibilizzazione nei confronti di tutti, parlamentari e cittadinanza, per l’approvazione della proposta di Legge che giace in Parlamento da tempo che punta a modificare le procedure elettorali e consentire l’esercizio del diritto di voto ai fuori sede: studenti, lavoratori, persone malate e tutti coloro che non si trovino nel proprio Comune di residenza e che con l’approvazione di questa Legge non saranno più costretti a tornare nel luogo di residenza o a rinunciare all’esprimere il proprio voto.


Questa mozione, rappresenta un primo passo importante nel percorso che la politica deve intraprendere per arginare il fenomeno dilagante dell’astensionismo che negli ultimi anni è cresciuto soprattutto tra le ragazze e i ragazzi che studiano fuori sede. Non è concepibile sminuire il valore della partecipazione e del protagonismo di una nuova generazione che si vede tagliata fuori dai momenti elettorali e quindi non rappresentata. L‘Italia, al momento, è l’unico Paese in tutta Europa a non permettere il voto fuori sede, è inaccettabile lasciare 4,9 milioni di studenti e lavoratori fuorisede senza il diritto di votare”. Al Parlamento accade che il testo proposto dal PD è stato stravolto e ridotto e quindi: l’emendamento, presentato in Commissione affari costituzionali del Senato intende consentire “l’esercizio del diritto di voto da parte degli studenti fuori sede in occasione dell’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti
all’Italia per l’anno 2024″.

Se l’emendamento passasse per la prima volta gli studenti fuorisede potrebbero finalmente votare nel loro comune di domicilio. Il problema, però, riguarda il fatto che l’emendamento parli solo di elezioni europee e referendum, niente politiche, comunali e regionali, escludendo di fatto tutte le altre consultazioni che avranno luogo contestualmente. Un problema non da poco per gli elettori che l’8 e il 9 giugno saranno chiamati al voto per le regionali in Piemonte o per le amministrative in 3700 comuni. Quindi si ritorna al punto di partenza: o si opta per il ritorno a casa oppure per il non voto. Sarebbe opportuno che il Governo smetta di fare ostruzionismo su un tema così importante e consideri che le grandi democrazie sono nate grazie “al peso elettorale” delle giovani generazioni che hanno diritto ad essere rappresentate.


Ringraziamo le consigliere e i consiglieri che hanno accolto la mozione del Partito Democratico, lanciata e proposta da giovani rappresentanti di partiti, i GD Tirreno, liste civiche ed altre realtà presenti nel nostro quadrante dando voce alle nuove generazioni ed alle loro esigenze inascoltate.

PARTITO DEMOCRATICO S. MARINELLA – S. SEVERA

Post correlati
CittàCronacapolitica

Giunta Lazio approva programma valorizzazione Castello di Santa Severa 

CittàCronacaNotizie

Ci siamo: tutto pronto per la Sagra del Carciofo

CittàCronaca

Gli studenti dell’Alberghiero di Ladispoli partecipano ad una seduta pubblica del Senato della Repubblica

Cittàpolitica

Cerveteri: approvato il regolamento sulla videosorveglianza e vigilanza partecipata

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.