CittàCronacaNotizie

Omicidio Vannini, la telefonata di Maria Pezzillo al 118

Nella puntata di ieri a Quarto di ieri sera emerge un nuovo particolare nella prima chiamata ai soccorsi

Omicidio Vannini, la telefonata di Maria Pezzillo al 118 – Dov’era Antonio Ciontoli quando Marco è stato colpito da un proiettile della beretta presenta in casa?

E’ questa la domanda che ieri sera i giornalisti di Quarto Grado si sono posti risentendo la testimonianza della vicina di casa della famiglia Ciontoli e riascoltando la chiamata del 118.

La vicina di casa già alle Iene aveva raccontato di non aver visto parcheggiata davanti casa l’auto di Antonio Ciontoli.

“Per 20 anni l’ha parcheggiata lì”, aveva detto.

Ma quella sera, la sua auto, quella di Antonio, non sembrerebbe essere presente davanti casa.

E poi c’è quel particolare nella prima chiamata al 118. (CLICCA QUI)

La telefonata effettuata da Federico Ciontoli.

Il ragazzo, per convincere l’operatrice della necessità di un’ambulanza in via Alcide de Gasperi passa il telefono alla madre.

vannini ciontoli omicidio ladispoli
Omicidio Vannini, la telefonata di Maria Pezzillo al 118

E proprio durante la chiamata, proprio prima di riattaccare, Maria Pezzillo, la moglie di Antonio Ciontoli, come se stesse chiedendo conferma a qualcuno presente in casa, chiede “E’ entrato? In caso richiamiamo”.

Il conduttore di Quarto Grado si chiede se quella domanda “E’ entrato?” fosse rivolta a qualcuno fino a quel momento assente in casa.

Forse ad Antonio Ciontoli?

Dubbio che ora sorge anche a mamma Marina, ieri in collegamento dalla sua casa a Cerveteri con lo studio di Quarto Grado.

“Ciontoli non c’era veramente in casa o è andato a buttare la maglietta blu di Marco che non c’è?”.

Dubbioso anche Picozzi. “Rivolgendosi a qualcuno che arriva magari avrebbe detto “è arrivato”, però unendo la telefonata alla testimonianza sentita prima ….”

Un particolare quello della chiamata emerso durante la trasmissione dove i giornalisti e gli opinionisti hanno commentato la conferenza stampa di qualche giorno fa tenuta proprio dai legali dei Ciontoli.

Durante la conferenza l’avvocato Pietro Messina ha tenuto a sottolineare come la colpa di Antonio Ciontoli “è certamente grave ma non possiamo crocifiggere una persona per un errore”.

Parole che hanno fatto arrabbiare mamma Marina.

“Un errore finito male perché alla fine Marco è morto. Dentro quella casa – ha detto Marina Conte -. c’erano loro e mio figlio e loro non hanno fatto niente per soccorrere Marco”.

Rispondendo poi all’avvocato Messina: “Vorrei rispondere all’avvocato quando dice che non possiamo crocifiggere il Ciontoli che chi è stato crocifisso è stato mio figlio”.

“Noi siamo nel dolore perenne e poi nessuno vuole crocifiggere il Ciontoli. Noi lo vogliamo solo vedere in galera e pagare per quello che ha fatto”.

“Mio figlio è rimasto dentro quella casa per più di un’ora e urlava con urla disumane”.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CronacaNotizie

Ladispoli, acqua non potabile anche per il caffè al bar

CittàNotizie

L’Equipaggio delle Frecce Tricolore ospite dell’Hotel Villa Margherita

AttualitàCittàNotizie

Cerveteri, Acea ripara il guasto al contatore

CittàCronacaNotizie

Picchia e rapina due giovani in strada: in manette

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista