fbpx
 
Cittàpolitica

Ladispoli e Cerveteri verso la giornata mondiale dell’eliminazione della povertà

Verso la giornata mondiale per l’eliminazione della povertà: Sabato 15 ottobre il Presidio di Libera Ladispoli/Cerveteri sarà in Piazza Rossellini

Il Presidio di LIBERA Ladispoli-Cerveteri sarà in Piazza Rossellini, Sabato 15 Ottobre, dalle ore 10.00 alle 12.00, in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della povertà che ci celebra il 17 Ottobre a partire dal 1992.

Questa Giornata è nata dall’iniziativa di Padre Joseph Wresinski e di circa 100,000 difensori dei diritti umani riuniti il 17 ottobre 1987 sulla piazza del Trocadero a Parigi, per esprimere il loro rifiuto della miseria e per esortare l’umanità ad unirsi per far rispettare i diritti umani.

Ladispoli e Cerveteri verso la giornata mondiale dell'eliminazione della povertà

I dati Istat parlano chiaro: una povertà ai massimi storici, circa 5,6 milioni in povertà assoluta: nel 2021 sono in povertà assoluta 1,9 milioni di famiglie (7,5% del totale da 7,7% nel 2020) e circa 5,6 milioni di individui (9,4% come nel 2020). “Ma attenzione, avverte Istat: nel 2021 i maggiori consumi (+1,7%) non hanno compensato l’inflazione (+1,9%). E poiché la povertà assoluta si misura sulla capacità della famiglia di sostenere le spese essenziali e incomprimibili per vivere, dal cibo all’affitto, dalle cure al riscaldamentoquest’anno con un’inflazione oltre il 6% potremmo avere un milione di poveri assoluti in più”.

L’Italia è tra i Paesi con il maggior numero di persone a rischio esclusione sociale in Europa (1 su 3) seguita solo da Lituania, Grecia, Romania e Bulgaria. Allo stesso tempo è il Paese dove sono presenti due delle tre Regioni più povere d’Europa: 1° la Sicilia e 3° la Campania, dove 11 milioni di persone non possono più curarsi per motivi economici, dove cresce la povertà educativa, dove le mafie fanno affari per 110 miliardi l’anno, dove corruzione ed evasione fiscale continuano a crescere.

Anche nel nostro territorio i dati sono allarmanti e come si evidenzia in una nota di agosto 2022 il Comune di Ladispoli, anche per conto di quello di Cerveteri, in quanto capofila del Distretto socio sanitario 4.2, ha presentato le schede progetto, i piani finanziari e i relativi crono-programma per le tre linee di investimento relative al PNRR per il sociale. “I due progetti sulla povertà estrema, che riguardano cittadini senza fissa dimora e singoli o nuclei familiari in difficoltà abitativa, prevedono interventi di adeguamento di immobili pubblici e la realizzazione della cosiddetta stazione di posta, un luogo ove le persone possono recarsi per avere tutta l’assistenza necessaria, sia materiale che burocratica. Le risorse complessivamente disponibili sono pari rispettivamente a 710mila euro e a un milione e 90mila euro”.

Inoltre, il dato nazionale e i contesti locali rimarcano l’aumento senza precedenti delle disuguaglianze e della povertà che rappresentano il pericolo più grave per la nostra democrazia. Ed è anche per questo che anche LIBERA – insieme alle oltre 500 realtà che hanno sottoscritto l’appello – aderirà alla mobilitazione nazionale “Non per noi ma per tutte e tutti. Per la pace, la giustizia sociale e ambientale, contro le disuguaglianze e l’esclusione” in programma il 5 novembre alle ore 14:00 in Piazza Vittorio Emanuele II a Roma.

E’ necessario lavorare insieme per ridare alle nostre città e al nostro Paese una visione politica reale, contestualizzata, basata sulla realtà delle sofferenze e delle ingiustizie che incontriamo e viviamo ogni giorno sulla nostra pelle; una visione che sappia vedere anche a lungo termine, in grado di dare risposte, assumere la priorità della lotta per la giustizia sociale e ambientale, per far sì che quelle priorità siano poi trasformate in atti concreti dalla politica istituzionale.

D’altro canto, come fatto notare da don Luigi Ciotti, Presidente di Libera e del Gruppo Abele, «una politica insufficiente nel contrasto alle disuguaglianze diviene essa stessa criminogena».

Ladispoli e Cerveteri verso la giornata mondiale dell'eliminazione della povertà

La pandemia sembra aver insegnato poco o nulla. Passata la fase tragica e acuta, si sono rafforzate l’avidità, la violenza, l’indifferenza e sono aumentate le distanze sociali e relazionali nel dominio degli egoismi. Nemici della pace sono le disuguaglianze, le ingiustizie, la privazione della libertà e una politica assente o quantomeno latitante. Una politica a mano armata, emissario, anzi sicario di un sistema economico che induce alla povertà e distrugge vite e speranze trasformando diritti in privilegi e degradando il bene comune a interesse privato.”

[email protected] ce la fa da [email protected], e nessuno è in grado di leggere da solo la realtà. Abbiamo bisogno di condivisione, cooperazione e solidarietà tra tutti e tutte se vogliamo uscire dalle molteplici crisi che stiamo attraversando. Abbiamo bisogno dell’intelligenza e delle passioni di tutti e tutte, perché siamo in un momento molto complicato in cui insistono più crisi contemporaneamente.

“Vi aspettiamo Sabato 15 Ottobre in Piazza Rossellini: non ci possono essere Democrazia e Libertà, senza Partecipazione e Giustizia Sociale!”

Post correlati
Città

Sinistra Italiana Ladispoli: "Sul parco di Viale Europa lavori conclusi che però non rispettano il progetto presentato"

Città

Cerveteri, la città piange la scomparsa del Dottor Bruno Costantini

politica

Lazio: Pascucci (Agenda Nazionale Civica), alleanza del centrosinistra sia sui temi e non solo contro le destre

AttualitàCittà

Santa Marinella inserita nel titolo ''Città che legge'' 2022-2023

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.