fbpx
 
Cittàpolitica

Crisi politica a Cerveteri, “forse meglio farsi aiutare”

Credo di essere stato l’ultimo, in sostituzione di mio padre Checchino, a ricevere nella chiesetta di Sant’Antonio alla Boccetta l’attestato di Massaro cervetrano. La cerimonia, tenuta dal compianto Carletto Petrocchi, insignì anche la famiglia Di Lucia: Menicuccio era presente. L’attestato di Massaro veniva assegnato a quelle famiglie che da oltre un secolo erano “cervetrani”. Poi anche questa tradizione, come molte altre è venuta meno.

Ovviamente l’essere nato in un posto non necessariamente determina amore, rispetto, cura, accudire quel luogo, quella comunità. Certamente l’esserci da più di cento anni fa vivere i problemi e le positività tradite del proprio Paese in modo più stridente: come l’effetto della carta vetrata sfregata con violenza sulla pelle viva. A nessuno ritengo possa essere sfuggito quanto noiosamente ed a iosa scrivo dal 2004 sulla sorte che ci accomuna: la cosa più dolorosa è stata la non replica il non confronto : anche severo, duro ma che ti faceva sentire comunque ascoltato. I problemi di Cerveteri sono da anni, tanti anni, conosciuti anche dai sampietrini che giacciono sotto l’asfalto di via Agyllina.

Quanto ritengo sia sempre mancato sono le risposte, a queste problematiche. Quando un uomo è in stato di salute pessimo, quando tutto sembra volgere al peggio, a nulla servono i palliativi, le pillole per lenire per breve tempo il dolore: occorrono misure drastiche, soluzioni rivoluzionarie. Da tempo la Comunità si trova in una situazione difficile, non solo economica quanto e soprattutto morale: la disaffezione nei confronti delle Autorità in senso lato (non faccio riferimento a persone singole, ognun fa a cazzotti con la sua coscienza) ne rappresenta la punta più visibile. Fatta questa lunga e forse prolissa premessa mi sento di invitare chi ha cariche pubbliche (di ogni e qualsiasi tipo ed importanza) a prendersi sulle spalle le responsabilità che il momento richiede e se è il caso, e credo PROFONDAMENTE lo sia, di farsi aiutare da quanto di meglio il popolo cervetrano ha fatto crescere nella sua terra tufacea e che sarebbe, ritengo, disposto a rimboccarsi le maniche per far uscire dalla palude spesso stagnante il Paese.

Angelo Alfani

Post correlati
politica

Forza Italia Ladispoli in crescita costante

Città

Marina di San Nicola, in via Tre Pesci arriva l’area pedonale

politica

Fiumicino, PD: "Il porto crocieristico mette a rischio la tutela del lavoro portuale nazionale, il Partito scende in campo ai massimi livelli"

CittàCronaca

A12: chiuso stanotte lo svincolo di Santa Severa - Santa Marinella

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.