fbpx
CittàNotizie

Belardinelli- Piergentili: “Servizio irriguo a Cerenova salvo, ma ecco la verità”

“Siamo ormai abituati ad ascoltare le fiabe dell’amministrazione Pascucci con cui si tenta in ogni modo di mistificare la realtà”

Belardinelli- Piergentili: “Servizio irriguo a Cerenova salvo, ma ecco la verità”-

Apprendiamo dal consigliere Nucci che il servizio irriguo dei giardini a Cerenova è salvo e tutto questo, a suo dire, grazie al suo lavoro, a quello dell’Amministrazione comunale e dei vertici della Multiservizi.

Che dire? Siamo ormai abituati ad ascoltare le fiabe dell’amministrazione Pascucci con cui si tenta in ogni modo di mistificare la realtà, ma in questo caso vogliamo credere alla buona fede del consigliere Nucci che probabilmente, essendosi interessato tardi al problema (non ricordiamo infatti la sua costante presenza alle riunioni del comitato di zona Cerenova – Campo di Mare tenutesi proprio su questo tema), ha preso per buono quello che qualcun altro gli ha raccontato.
Ci dispiace, dunque, doverlo smentire, ma non possiamo esimerci dal ricordare ai cittadini che, da un nostro accesso agli atti, era emerso che l’idea della costituzione di un consorzio tra i cittadini di Cerenova per la gestione del servizio irriguo era stata proposta proprio dalla Multiservizi Caerite che, infatti, ha inviato una lettera ai cittadini nella quale prospettava questa idea come l’unica soluzione possibile.

Servizio irriguo a Cerenova,

Noi invece, fin da subito, abbiamo sostenuto che la Multiservizi Caerite poteva e doveva continuare a svolgere il servizio senza scaricare i costi della gestione della vetusta rete idrica sui cittadini di Cerenova. Non ricordiamo, però, nessun membro della maggioranza, né tanto meno il consigliere Nucci, sostenere la nostra tesi, anzi nei vari incontri con i cittadini sia i rappresentati dell’Amministrazione che quelli della Multiservizi sostenevano che la costituzione del consorzio era l’unica via possibile per continuare ad avere il servizio.

A fargli cambiare idea sono state, molto probabilmente, le resistenze dei cittadini di Cerenova e il minuzioso lavoro svolto sul territorio dal Fronte del No ideato dal vice coordinatore della Lega Cerveteri, Avv. Alessandro Temofonte, nonché l’esiguo numero di adesioni al futuro consorzio, numero ben lontano dalle 1.000 adesioni da loro ritenute necessarie per la costituzione dello stesso. Solo a questo punto la Multiservizi e l’Amministrazione comunale si sono mosse per tentare di risolvere il problema e la soluzione trovata non è stata altra che quella di tornare al punto di partenza: il servizio continuerà ad essere gestito dalla Multiservizi Caerite e noi ne siamo felici!

Anna Lisa Belardinelli (Fratelli d’Italia)

Luca Piergentili (Lega)

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Caso Vannini, Federico Ciontoli in aula: "Per anni ho avuto paura che qualcuno potesse spararmi"

AttualitàCittà

Bracciano, il centro storico diventa isola pedonale

Notizie

Filippino che viveva a Cerveteri trovato senza vita in mare

Notizie

Coronavirus, guarita una persona a Ladispoli e una a Civitavecchia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.