fbpx
AttualitàCittàNotizie

Tarquinia: Francesca Pontani porta alla scoperta del cielo di Etruschi, Celti e Protostorici

7 Condivisioni

L’evento in programma il 20 giugno a Tarquinia a Palazzo dei Priori

Tarquinia: Francesca Pontani porta alla scoperta del cielo di Etruschi, Celti e Protostorici –

La scoperta del cielo da parte dell’uomo costituisce certamente uno dei capitoli più affascinanti nella storia della nostra civiltà: giorno, notte, sole, luna e stelle. 

E proprio da questo assunto prenderà le mosse la conferenza “Etruschi, Celti, Protostorici e la volta celeste. L’uomo antico scopre il cielo”, a cura dell’archeologa Francesca Pontani, in programma per il 20 giugno a Tarquinia, presso lo splendido Palazzo dei Priori, nell’ambito della kermesse “Il Mese Degli Etruschi”. 

Tarquinia: Francesca Pontani porta alla scoperta del cielo di Etruschi, Celti e Protostorici
Tarquinia: Francesca Pontani porta alla scoperta del cielo di Etruschi, Celti e Protostorici

Da sempre l’uomo ha rivolto lo sguardo al cielo per trarne informazioni, ma anche emozioni straordinarie.

L’alternanza del giorno e della notte e il corso degli astri hanno aiutato gli uomini di ogni epoca a scandire il tempo, a regolare i lavori agricoli, a dirigere il loro cammino, quindi la capacità di interpretare i messaggi del cielo riveste da sempre un’importanza fondamentale. 

Così dalla nascita dell’astrologia in Mesopotamia e quindi dell’astronomia presso altri popoli, si assiste ad una variegata lettura di fenomeni cosmici che, poco a poco, entrano nel quotidiano. 

Fin dalla Preistoria, come oggi, l’uomo guardando il cielo si fa le stesse domande davanti alla visione della Luna e delle stelle: “Perché esistono? Perché esistiamo? Stanno forse cercando di dirci qualcosa?” 

Il desiderio di rispondere a queste domande ha spinto l’uomo antico a cercare di comunicare con qualcosa di più elevato o di più potente di se stesso ─ un essere supremo ─ in modo da poter così acquistare un certo controllo sul proprio ambiente e sulla propria vita. 

Il cielo notturno, con tutte le sue innumerevoli stelle, ci fa sentire minuscoli rispetto all’infinità dell’Universo; la notte inoltre, nascondendo ciò che normalmente è ben visibile, da un lato accentua la nostra inquietudine e il timore di pericoli ignoti, dall’altra ci fa sentire diversi, ci aiuta a prendere contatto con la parte più segreta di noi stessi. 

In questo quadro di riferimento l’idea di proporre una esposizione per presentare il pensiero dell’uomo antico attraverso il punto di vista di alcune specifiche popolazioni: quelle degli Etruschi, dei Celti e delle antiche popolazioni delle regioni dell’Europa centrale. 

7 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Vaccino Covid, oggi nel Lazio raggiunto il tetto del 1,5 milioni di somministrazioni

Attualità

Giannelli presidente Presidi: "A scuola distanziamento impossibile"

Notizie

Coronavirus, oggi in Italia 12.694 nuovi casi (ieri 15.370) e 251 decessi

AttualitàEvidenzaNotiziepolitica

Alitalia, Ascani (PD): "Preoccupato per la linea politica portata avanti dal Governo Draghi"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.