fbpx
 
AttualitàCittàNotizieOspiti

Svincolo A12 Cerveteri-Ladispoli: i cittadini chiedono risposte

Sul caso interviene Graziella Viviano: sua figlia, Elena Aubry, perse la vita in un incidente. Nell’articolo anche le testimonianze di due motociclisti travolti proprio in quel punto

È passato poco più di un mese dall’ultimo articolo che avevamo dedicato alla rotatoria allo svincolo autostradale di Cerveteri-Ladispoli. In quell’occasione, il Sindaco del Comune etrusco aveva dichiarato che non era in grado di dare tempi certi rispetto alla realizzazione della rotatoria annunciata mesi prima (qui l’articolo). Nel frattempo, i cittadini continuano a essere preoccupati dalla pericolosità di un incrocio molto trafficato, ancor di più durante il periodo estivo. Gli incidenti accorsi nel 2024 non hanno fatto altro che confermare quanto la situazione sia insidiosa e questo sta facendo montare un grido di preoccupazione sempre più rumoroso.

A farsi portavoce delle richieste dei cittadini è Graziella Viviano, madre di Elena Aubry, ragazza che è rimasta vittima di un incidente su via Ostiense nel 2018. “Innanzitutto chiedo agli enti di occuparsene. Da quando è morta mia figlia, cerco di proporre delle soluzioni e, essendo architetto, ho esposto in maniera chiara come si può risolvere mentre si trovano i fondi necessari alla realizzazione dell’opera. Io dico sempre nel frattempo, ecco, mentre facciamo gli appalti, cerchiamo di lavorare in urgenza. È semplice, inseriamo uno spartitraffico e togliamo l’attraversamento di carreggiata. Ci sono due rotonde, già esistenti, che possono essere sfruttate. Non ho capito perché bisogna aspettare che muoia qualcuno. Nella mia situazione, parlare di costi è straziante, ma lo faccio. Quanto costa curare una persona in ospedale? Quanto costa la distruzione di una famiglia? Lo dico ironicamente, facciamo un prospetto economico. Non credo convenga. Risolviamo questa cosa in maniera banale e quando ci saranno i soldi chi di dovere si occuperà della realizzazione. Ma, nel frattempo, evitiamo il rischio di far morire delle persone. Nel mio piccolo lo proporrò anche alla Polizia Stradale. È qualcosa che bisogna fare, punto” ha esclamato decisa Graziella Viviano, che poi ha aggiunto “Dal processo di mia figlia, la magistratura sta cambiando modus pensandi. Nel caso di un processo penale, in una situazione di pericolo conclamata, i responsabili come potrebbero giustificarsi? Spero non avvenga mai, ma perché bisogna arrivare a tutto questo. Almeno la morte di mia figlia è servita a far arrivare i gestori delle strade sul banco degli imputati. Ma perché non intervenire prima? Non ci interessano tecnici che finiscono in prigione, ci interessa non avere più morti sulle strade. Questa è la base del discorso”.

Svincolo A12 Cerveteri-Ladispoli: i cittadini chiedono risposte

Incidenti svincolo autostradale, le testimonianze di due motociclisti

“Ho avuto un incidente il 21 aprile scorso – ha esordito Salvatore Annarumma – è un tratto in cui da sempre accadono incidenti. Sono alto un metro e ottantasette e ho fatto delle piroette in aria. Me la sono cavata con un problema alla mano e al ginocchio, ma poteva andare molto peggio. Hanno realizzato delle rotatorie in punti in cui non c’era questa urgenza, perché non acceleriamo i tempi? Io ricordo che era presente anche nel programma elettorale dell’attuale amministrazione, ma ora è un valzer di rimpalli in cui non si capisce dove sia la verità. Con Graziella Viviano abbiamo deciso di parlarne perché è ora che qualcuno si prenda le proprie responsabilità”.

Noi di Baraondanews.it, abbiamo raggiunto anche Domenico Pagano che ha avuto un incidente circa due mesi fa ed è ancora in convalescenza. “Ero a bordo di uno scooter e provenivo da Cerveteri – ha raccontato Domenico – e in prossimità dello svincolo c’erano macchine in attesa sia per entrare che per uscire dall’autostrada. Memore di un incidente sfiorato pochi giorni prima ho rallentato, ma la macchina che si doveva immettere nell’area autostradale mi ha travolto. Ho riportato 7 fratture al piede sinistro e una alla rotula destra dopo aver fatto un volo di 15 metri. Quando ero al pronto soccorso, più precisamente la mattina dopo, è arrivato un altro ragazzo che aveva avuto un incidente nello stesso punto. È uno svincolo maledetto”.

E rispetto alle sue condizioni di salute, Domenico ha raccontato: “Oggi ho l’ennesima risonanza che servirà a capire come stanno i tendini del piede. I medici hanno detto che non recupererò la mobilità al cento per cento, ma con la deambulazione la situazione dovrebbe migliorare. Spero che qualcuno intervenga perché io sono fortunato a poterlo raccontare. Quell’incrocio è pericolosissimo”.

GR

Post correlati
Notizie

Ladispoli, Imu: tutte le scadenze di giugno

Città

Marina di San Nicola, in via Tre Pesci arriva l’area pedonale

Attualità

Roma: Via Sestio Menas cede ancora, betoniera sprofonda a 10 metri dalla maxi voragine

Notizie

Santa Marinella, piano parcheggi. Tidei e Amanati: "Nessuna azione vessatoria verso i cittadini, solo maggiore sicurezza per la viabilità"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.