fbpx
 
CittàCulturaNotizie

Six Loft Art: sette artisti espongono a Ladispoli. Inaugurazione Sabato 17

Sul Lungomare centrale di Ladispoli espongono due acquarellisti e cinque pittori: Valentino Spadoni, Pamela Alfieri, Roberto Liburdi, Stefano Martini, Mad Marcel, Maria Chiara Brannetti e Irene Ticci.

Il Six Loft sabato 17 dicembre dalle ore 18 dedicherà nuovamente i suoi spazi all’arte con la mostra ‘homo homini natura amicus‘ . Lo scorso sabato l’apertura della mostra ‘oltre il mare‘ nonostante la pioggia battente ha riscosso un inaspettato successo, sono intervenuti il sindaco Alessandro Grando, l’assessore Fiovo Bitti, l’assessore Marco Porro, l’assessore Margherita Frappa, il consigliere Riccardo Rosolino e il consigliere Stefano Fierli e l’ex sindaco Crescenzo Palliotta, il delegato alle mostre Filippo Conte e la delegata all’arte Felicia Caggianelli.

Per la  mostra ‘Homo homini natura amicus’  scende in campo un settebello di artisti locali pronti ad incantare con leggerezza e sostanza, due acquarellisti e cinque pittori: Valentino Spadoni, Pamela Alfieri, Roberto Liburdi, Stefano Martini, Mad Marcel, Maria Chiara Brannetti e Irene Ticci.

Six Loft Art prosegue con la mostra “homo homini natura amicus”

“Il titolo di questa mostra si rifà ad un assunto economico – dichiarano gli organizzatori – o meglio si contrappone al vecchio assunto che tutti conosciamo: homo homini lupus (l’uomo è un lupo per gli altri uomini). “Homo homini natura amicus” è invece la base della nuova economia, che deve tenere conto anche della socialità, l’amicizia e il rispetto per la natura e gli spazi pubblici. Con “homo homini natura amicus” si mette da parte l’individualismo e si porta al centro l’approccio relazionale e il valore del bene comune, l’importanza delle associazioni e del volontariato  e della natura come bene di tutti. Dunque in questa mostra proponiamo artisti innamorati della natura, che ne sanno raccontare peculiarità talvolta nascoste per i più. Ladispoli è la città che li ispira, ricca di natura, vivace, abitata sia d’estate che d’inverno, con tante famiglie giovani e molteplici occasioni di socialità”.

Gli artisti in mostra

Spadoni, tra i più giovani ad esporre, già vignettista e comico in tv ora in questi giorni in onda su Viva Rai 2, nei suoi micro-acquerelli racconta di isole fluttuanti talvolta abitate da pescatori o vacanzieri, isole solitarie che insieme formano un grande arcipelago immaginario, si ergono da un profondo oceano e raccontano con leggerezza vicende dei nostri tempi. Alfieri, pittrice, propone invece dei ritratti del figlio in diverse età immerso nella natura, quadri che raccontano l’amore materno e quello più ampio per  madre natura. Brannetti propone invece degli alberi maestosi che colorano giornate grigie, Mad Marcel esporrà invece  degli acquerelli con al centro  l’uomo a contatto con la natura, ma da un’ottica particolare, emotiva, interiore. Ticci con i suoi sassi dipinti con teneri animali addormentati sembra quasi ridonargli vita e di sentirli lentamente respirare mentre li si sta a guardare. Liburdi invece propone tele dal sapore antico dove si parla del rapporto tra l’uomo e gli animali, dove regnava nonostante tutto, il rispetto della vita e degli animali seppure allevati, ma lasciati liberi di vivere una vita dignitosa nell’aia. Infine Stefano Martini che con un ritratto, un sorriso,  ci ricorda che è questa la chiave che riporta tutto al centro. Un sorriso, la convivialità, la socialità, che troppo in questi ultimi tempi è venuta a mancare può ridare a molti quel quid in più, quel senso speciale della vita.

L’uomo è un animale sociale ha bisogno degli altri uomini per trovare la sua chiave di felicità e realizzazione e non necessariamente deve considerarli come qualcosa da sfruttare, anzi, c’è un nuovo futuro, quello della collaborazione, dell’aiuto reciproco, della valorizzazione degli spazi comuni, il valore dell’amicizia. Ed ecco qui che ritorna forte un motto picassiano “l’arte pulisce l’anima dalla sua polvere quotidiana“, con un significato più profondo, allargato, contemporaneo se vogliamo. L’arte come dipinti si da osservare ma anche e soprattutto come un  momento conviviale di crescita, di ritrovo, di confronto e di amicizia e questo a modo nostro è quello che stiamo cercando di includere nei nostri spazi’-concludono gli organizzatori.

Visitare la mostra

La mostra, patrocinata dal Comune di Ladispoli, si inaugura dunque il 17 dicembre dalle 18.00, l’ingresso è libero e rimane visitabile durante tutto l’orario di apertura del Six Loft, tutti i giorni dalle 11.00 alle 15.00 e dalle 17.30 all’1.00, la domenica dalle 12.00 alle 17.00 e lunedì riposo settimanale.

Mettersi in contatto con il Six Loft

Il ristorante e cocktail bar Six Loft si trova a Ladispoli, Lungomare Regina Elena 74/B (indicazioni stradali). Per prenotare un tavolo: +39.328.1273720.

Leggi anche: Maria Chiara Brannetti (Six Loft), tra le migliori Chef Italiane

Post correlati
CittàSalute

Prevenzione del tumore al colon retto: kit diagnostici anche presso le farmacie comunali di Cerveteri

CittàNotizie

"Lei ha i requisiti per recuperare 715 euro di tasse", ma è una truffa

CittàSport

Ladispoli, Gabbiano Calcio: un progetto ambizioso che continua a crescere

CittàCronacaNotizie

Incendio Santa Marinella, continuano le operazioni di bonifica

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.