fbpx
 
Città

Santa Severa: sconosciuti chiudono un favo con del poliuretano

Buste di plastica, spugne e poliuretano espanso dentro un albero per chiudere un nido di api: il nucleo NUBI costretto a ripulire lo scempio inutile perpetrato da sconosciuti

Santa Severa: sconosciuti chiudono un favo con del poliuretano –

Una soluzione assurda per risolvere il problema di un nido di api: buste di plastica, spugne e infine del poliuretano espanso per chiudere un nido ricavato nel cavo di un albero.

E quanto si sono trovati davanti gli agenti del nucleo N.U.B.I. allertati dalla responsabile della Regione Lazio presente al Castello di Santa Severa che aveva notato uno sciame d’api ai piedi di un albero con del poliuretano espanso.

“Purtroppo, si sa all’idiozia dell’uomo non c’è mai fine – scrivono su Internet – e chi era intervenuto prima di noi avrà pensato che fosse un buon modo per eliminare il “problema” delle api.

Solo che il vero problema sta proprio in trovate come questa che, oltre a rappresentare una soluzione inefficace e non ecologica, condanna anche uno sciame ad una triste fine perché sigillandone il favo con la covata e probabilmente anche la regina all’interno le restanti api all’esterno proveranno a liberare il passaggio fino a morire di stanchezza”.

Gli agenti intervenuti hanno perciò effettuato un attento e delicato intervento di rimozione del materiale inserito nella cavità, recuperando allo stesso tempo la parte di sciame rimasta fuori che cercava disperatamente di entrare e la parte all’interno in sofferenza.

In questo caso l’unica cosa che si è potuto fare è stato limitare i danni, danni che sempre la mano dell’uomo aveva provocato.

Post correlati
CittàCronacaNotizie

Una delegazione di Ladispoli in visita al complesso del Foro Italico

Città

Civitavecchia, le api al centro di un convegno sull'importanza della loro tutela per la biodiversità

Città

Marina di Cerveteri, domenica 16 giugno primo torneo di volley al Parco di Via Luni

Città

Fiumicino verso un trasporto pubblico sostenibile: accoglie tre nuovi bus elettrici

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.