fbpx
 
AttualitàCittà

A Santa Marinella il primo forum sul “Galilei” della sede distaccata

Un presidio di formazione, tante idee per il futuro e di opportunità culturali a Santa Marinella

A Santa Marinella il primo forum sul “Galilei” della sede distaccata –

Riceviamo e pubblichiamo –

Si è svolto in un clima di grande condivisione il primo forum sul “Galilei” della sede staccata di Santa Marinella. Dopo i saluti iniziali tra cui quelli del sindaco Tidei, Maria Zeno, già preside dell’Istituto, ha ricordato le origini del Liceo, spendendo parole di affetto per quei docenti che sono stati per decenni colonne portanti della giovane scuola superiore: primo fra tutti Nando Bianchi, ma poi anche Franco Caminiti, Daniela Petranzan, Sofia Tagliacarne ed Eleonora Marino, professori ben vivi nei ricordi degli alunni di allora.

Santa Marinella forum Galilei

Dopo il primo excursus, i rappresentanti delle istituzioni hanno dato il loro contributo qualificato, riflettendo sul ruolo che una scuola superiore come il liceo ha avuto e può avere nella cittadina.

Il sindaco Tidei, l’assessora Nardangeli, la direttrice della biblioteca civica Perini, il direttore del museo civico Enei, il presidente del Consiglio d’Istituto Degni hanno riconosciuto il ruolo positivo svolto negli anni dal Liceo a Santa Marinella e della scuola superiore in Italia in generale.

La dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “Piazzale della gioventù” Velia Ceccarelli ha lanciato anzi un vero e proprio auspicio: che tutta la comunità educante del nostro comune, dalla scuola dell’infanzia al Liceo, possa diventare il centro della comunità stessa, il centro degli interessi e delle prospettive, in modo da dare alle nuove generazioni le migliori possibilità.

È senza dubbio un suggerimento ed una sfida da raccogliere che, nei commenti successivi da parte dei professori e dei genitori presenti, ha trovato largo consenso.

Di sicuro interesse è stata anche la seconda parte del Forum, in cui gli studenti hanno posto domande più specifiche ai relatori presenti, che hanno mostrato disponibilità all’ascolto e spirito costruttivo.

La collaborazione fra il Galilei e le istituzioni, che è già in atto, potrà quindi essere sviluppata ulteriormente sempre nell’ottica della crescita culturale non solo degli studenti ma di tutta la città, come ha del resto auspicato il presidente del consiglio Degni nell’immaginare il Liceo come centro culturale anche per attività pomeridiane.

Ed infatti i cittadini presenti hanno a loro modo risposto con alcuni interventi molto calorosi nei confronti di quella che è stata la storia del Liceo, ma anche di quello che potrà essere il suo futuro, con tutto ciò che sapranno fare insieme professori, studenti, famiglie e istituzioni. Gli studenti di altre stagioni Elisabetta Percuoco e Andrea Benedetti, il Comandante della stazione dei Carabinieri Carmine Ricci, ed infine la professoressa Clelia Di Liello, già docente di Storia e Filosofia del plesso, hanno concluso così in modo degno e partecipato due ore di riflessione e condivisione di una città intera intorno al suo Liceo.

Post correlati
CittàCronaca

Domenica al museo: ingresso gratuito al Museo Nazionale Cerite e alla Necropoli della Banditaccia

CittàCronaca

Cerveteri, ciclista investito sulla Settevene Palo

CittàCultura

Sagra del Carciofo romanesco: tariffe ferme al 2019

Città

Il Vescovo Ruzza: “Accogliere chi è solo per difendere la vita”

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.