fbpx
 
Cultura

Sanremo, il monologo di Giovanni Allevi

Il Maestro Giovanni Allevi Torna a suonare in pubblico dopo due anni e lo fa dal palco più popolare d’Italia.

Una lezione di vita, questo è stato ieri sera il monologo di Giovanni Allevi. Una lezioni che solo i guerrieri come lui possono dare, perché nessuno è in grado di apprezzare la vita come chi combatte quotidianamente il cancro, gli adulti riescono a raccontarlo anche con le parole come ha fatto Allevi, se vi capita invece di incontrare un bambino che lotta contro questa malattia ammiratene la bellezza, il coraggio e il sorriso, solo quelli vi trasmetteranno quanta gratitudine provano nei confronti della vita.

Il compositore ha omaggiato il pubblico con “Tomorrow”, una composizione che è un invito alla positività “Affinché domani sia una giornata più bella per tutti noi” proprio come dice lo stesso Allevi, la melodia e il suono dolce di “Tomorrow” riescono a toccare le corde dell’animo umano e a farci quasi toccare la bellezza di cui allevi parla nel suo monologo, che riportiamo fedelmente di seguito.

Il Monologo di Giovanni Allevi a Sanremo 2024

«All’improvviso mi è crollato tutto. Non suono più il pianoforte davanti a un pubblico da quasi 2 anni. nel mio ultimo concerto, a Vienna, il dolore alla schiena era talmente forte che sull’applauso finale non riuscivo ad alzarmi dallo sgabello e non sapevo ancora di essere malato. Poi è arrivata la diagnosi, pesantissima, ho guardato il soffitto con la sensazione di avere la febbre a 39 per un anno consecutivo. Ho perso molto, il mio lavoro, ho perso i miei capelli, le mie certezze, ma non la speranza e la voglia di immaginare.
Era come se il dolore mi porgesse anche degli inaspettati doni, quali, vi faccio un esempio: non molto tempo fa, prima che accadesse tutto questo, durante un concerto, in un teatro pieno, ho notato una poltrona vuota. Mi sono sentito mancare. Eppure quando ero agli inizi ho fatto concerti davanti a 15-20 persone ed ero felicissimo. Oggi, dopo la malattia, non so cosa darei per suonare davanti a 15 persone. I numeri non contano. Sembra paradossale detto da qui perché ogni individuo è unico, irripetibile e a suo modo infinito.
Un altro dono: la gratitudine nei confronti della bellezza del creato. Non si contano le albe e i tramonti che ho ammirato da quelle stanza di ospedali, il rosso dell’alba è diverso dal rosso del tramonto e con le nuvolette è ancora più bello.
Un altro dono: la gratitudine e la riconoscenza per il talento dei medici, degli infermieri, di tutto il personale ospedaliero. La riconoscenza per la ricerca scientifica, senza la quale non sarei qui a parlare. La riconoscenza per il sostegno della mia famiglia. La riconoscenza per la forza, l’affetto e l’esempio che ricevo dagli altri pazienti. I guerrieri, così li chiamano, magari cerchiamo un altro termine, ma non mi viene in mente niente. Ma lo sono anche gli ausiliari e lo sono anche i genitori – piange -. I genitori dei piccoli guerrieri. Ora, come promesso, vi ho portato tutti qui con me sul palco, anime splendenti, esempio di vita autentica. Prima di andare all’ultimo dono, facciamo loro un applauso.
Ho ancora un dono. Ma quanti sono? Quando tutto crolla e resta in piedi solo l’essenziale, il giudizio che riceviamo dall’esterno non conta più. Io sono quel che sono, noi siamo quel che siamo. Eppure sento che in me c’è qualcosa che permane ed è ragionevole pensare che permarrà in eterno. Io sono quel che sono, voglio andare fino infondo a questo pensiero. Se le cose stanno così, cosa mai sarà il giudizio dell’esterno.
Voglio accettare il nuovo Giovanni. Vado? (Si toglie il berretto) Com’è liberatorio essere se stessi. Per onorare la vostra attenzione, per dare forza e speranza alle tante persone che come me stanno ancora lottando, suonerò di nuovo il pianoforte davanti al pubblico. Attenzione però, ho due vertebre fratturate. E tremore e formicolio alle dita, nome tecnico: neuropatia. Però, però, non potendo più contare sul mio corpo, suonerò con tutta l’anima».

Post correlati
Cultura

Ladispoli, l'istituto alberghiero in visita al Pantheon

CittàCultura

Tourisma 2024: Agostino De Angelis con ArchéoTheatron presenti con le istituzioni e realtà culturali provenienti dal territorio etrusco e nazionale

CulturaUncategorized

Ladispoli, meeting day con le università all'istituto alberghiero

CittàCultura

Fiumicino, Museo delle Navi: necessario connetterlo col territorio

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.