fbpx
 
Cittàpolitica

Ripartono le attività dell’Osservatorio Ambientale, Tidei scrive ai sindaci

Pietro Tidei, presidente dell’Osservatorio Ambientale, scrive ai sindaci: “Bisogna ridefinire il percorso che punta alla sostenibilità, iniziando a fare pressione su Enel”

Il sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei, nella sua veste di presidente del Consorzio dell’Osservatorio Ambientale ha scritto una lettera indirizzata ai colleghi sindaci dei comuni interessati.

La missiva ha lo scopo di focalizzare l’attenzione, proprio in questa fase  di ripartenza delle attività dell’Osservatorio Ambientale sulle questioni e sulle problematiche da affrontare e nel caso risolvere con priorità in sinergia e collaborazione con tutti i comuni  consorziati.

Ripartono le attività dell'Osservatorio Ambientale, Tidei scrive ai sindaci
Santa Severa, Tidei: ”I residenti della zona 167 diventano proprietari delle loro abitazioni”

Il tutto sempre e solo nell’ottica “green“ e soprattutto alla luce degli ultimi eventi storici dall’auspicata e ormai percettibile fine della pandemia siamo passati alla crisi energetica figlia del conflitto bellico ancora in atto. “ Vorrei qui iniziare a condividere – scrive Tidei – l’elaborazione delle linee guida dell’Osservatorio ambientale che ci troviamo a varare in un momento in cui tutti i programmi e le previsioni che formulavamo  fino a quale tempo fa per il benessere e salute delle nostre comunità sembrano ormai essere venuti meno.  Un primo pensiero va alla Centrale a Carbone Torrevaldaliga Nord, la più inquinante  d’Italia che copre 975 mila metri quadrati di territorio con una ciminiera grattacielo di oltre 200 metri e 1980 megawatt di potenza installata”.

Altro fattore determinante è dato dalla presenza del Porto con le sue molteplici attività, per non dimenticare lo smaltimento dei rifiuti della vicina Capitale che minaccia continuamente il nostro territorio con la sua espansione.

Il primo passo da intraprendere è ridefinire il percorso che punta alla sostenibilità, iniziando a fare pressione su Enel.

L’Ossevatorio Ambientale necessita di partner forti, affidabili, trasparenti e propositivi.

Il CDA deve essere coinvolto e propositivo, proporre idee che puntino allo sviluppo sostenibile dei nostri territori.

 Per far fronte a ciò dobbiamo stilare linee guida e giungere alla stesura del programma triennale con l’obiettivo di produrre una politica credibile a favore del nostro ambiente.

Post correlati
AttualitàCittà

Civitavecchia, riapertura del centro per l'impiego: «Annullamento contratto atto dovuto. Superare l'impasse burocratico»

CittàNotizie

Ladispoli: la Polizia di Stato di nuovo in campo contro le truffe agli anziani

CittàCronaca

Pendolari: dal 4 all'8 luglio soppressione di alcuni treni della Fl5

Città

Tarquinia: torna il Divino Etrusco

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.