CittàNotiziepolitica

Piazza Almirante, è mobilitazione

18 Condivisioni

Sit-in di protesta questo pomeriggio a partire dalle 14.30 in via dei Fiordalisi. Sarà presente anche il Movimento 5 Stelle

Piazza Almirante, è mobilitazione –

Si respirerà aria di contestazione questo pomeriggio in via dei Fiordalisi.

I movimenti politici e comitati sono pronti a far sentire ancora la propria voce, “disturbando” la “festa” dell’amministrazione Grando che proprio oggi alle 15 intitolerà la piazza al Campo Sportivo allo storico segretario dell’MSI, Giorgio Almirante.

Mentre la Giunta e tutta la maggioranza si prepara infatti alla festa, dall’altra parte coloro i quali in questi mesi hanno provato ad ostacolare la decisione della Giunta, scrivendo e interpellando anche il Prefetto di Roma, sono pronti a scendere in piazza in una manifestazione pacifica, per ribadire tutta la loro contrarietà.

L’appuntamento è per le 14.30 in via dei Fiordalisi.

All’iniziativa, promossa dall’Anpi Ladispoli – Cerveteri, hanno aderito l’Aned, il Comitato No Piazza Almirante e tutte le forze politiche che in consiglio comunale, in commissione toponomastica e con missive indirizzate alla Prefettura hanno detto no all’intitolazione al segretario dell’MSI.

«Una nuova piazza – hanno scritto dall’Anpi – inserita in un quartiere la cui toponomastica è peraltro dedicata al verde, anziché motivo di scontro poteva essere l’occasione per ricordare chi ha contribuito a fare la storia di Ladispoli.

Quindi un momento unificante ed educativo anche per le nuove generazioni ladispolane e i nuovi residenti. Così non è stato.

Il sindaco Grando – hanno rincarato dall’Anpi – e la sua amministrazione hanno preferito scegliere un soggetto simbolo di una precisa fazione politica, indissolubilmente legata alle nefaste leggi razziali del ventennio mussoliniano. Come Anpi, nazionale e locale, intendiamo andare fino in fondo a questa intitolazione».

Sempre l’associazione nei giorni scorsi ha inoltrato al Prefetto di Roma la richiesta di revoca del decreto con il quale è stata data l’amministrazione ad intitolare la piazza ad Almirante.

Appello quello lanciato dall’Anpi, come spiegato dall’associazione stessa, che ha ottenuto risposta da parte dei comitati e dei movimenti politici che ancora ad oggi continuano a battersi per impedire che proprio questo pomeriggio l’amministrazione proceda col taglio del nastro.

«Non possiamo far passare sotto silenzio questa intitolazione – hanno detto dal Comitato No Piazza Almirante – che offende la storia e l’identità della nostra città, piena di accoglienza antirazzismo e solidarietà.

Teniamo a precisare che la nostra presenza sarà pacifica e colorata». A rispondere all’appello è stato anche il Pd di Ladispoli.

Per i dem, «non c’è nessun atto nella vita politica di Almirante che merita l’intitolazione di quella che oggi è per grandezza la seconda piazza di Ladispoli.

La Giunta e il Sindaco in particolare – hanno detto – vogliono solo lasciare il segno della loro presenza, marcare il territorio, dividendo la città e portandola in maniera negativa alla ribalta nazionale.

Una pagina vergognosa di cui Ladispoli si riscatterà presto», hanno proseguito i dem invitando «la città a dare un segnale di sdegno verso “una storia sbagliata” che si vuole riaffermare, partecipando al presidio democratico patrocinato dal Comitato No Piazza Almirante e organizzato dalla Sezione Anpi Ladispoli – Cerveteri “Domenico Santi”».

«Abbiamo espresso la nostra contrarietà all’intitolazione in tutte le sedi – ha detto il consigliere comunale di Si Può Fare, Giuseppe Loddo – consiglio comunale, commissione toponomastica e infine al Prefetto di Roma e domani (oggi, ndr) saremo presenti come testimoni pacifici non solo di una storia sbagliata ma soprattutto di una scelta sbagliata.

Una scelta sbagliata – ha proseguito Loddo – quella dell’amministrazione Grando, che oltre ad essere divisiva di un’intera comunità si fonda su un’errata valutazione e percezione del recente voto amministrativo del 2017 e della valenza politica collegata. Suggeriamo al sindaco Grando di aggiungere alla targa “provvisoriamente intitolata all’on. Giorgio Almirante”, certi che la prossima amministrazione correggerà questa storia sbagliata».

E all’appuntamento sarà presente anche il Movimento 5 Stelle di Ladispoli. «Il Movimento Cinque Stelle – hanno scritto – aderisce al presidio pacifico in vista dell’intitolazione di quella piazza, emblema di un progetto controverso e speculativo, a un personaggio simbolo delle ideologie fasciste e razziste del passato, che mai ha rinnegato la sua adesione alle leggi razziali che portarono a morte migliaia di italiani nei lager nazisti e mai ha avuto una riflessione critica sull’esperienza fascista che condusse alla morte di milioni di connazionali».

18 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizie

Roma, in fiamme un appartamento in Via Niso: nessun ferito

Attualitàpolitica

Via del Mare, Califano (PD) : si apra commissione regionale

AttualitàNotizie

Presentata l'operazione mare sicuro 2019

Cittàpolitica

Enel, De Paolis-Scilipoti: "Pretendiamo rispetto"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista