fbpx
Città

PD Ladispoli: ”Grando studi la vera storia del “lotto degli ulivi”

“Entriamo di nuovo nel merito della questione”

PD Ladispoli: ”Grando studi la vera storia del “lotto degli ulivi” – riceviamo e pubblichiamo

“Il PD di Ladispoli non “predica” e non “razzola”, come afferma il Sindaco Grando, semmai argomenta e affronta una situazione incresciosa che è di dominio pubblico: il “lotto degli ulivi” e la scomparsa dei villini dei quali il Primo Cittadino non fa cenno nella sua replica al nostro comunicato.

Entriamo di nuovo nel merito della questione: Lo sradicamento degli ulivi nella zona del Centro Civico e’ uno scempio che poteva essere evitato e il Sindaco sa bene che non dice la verita’ quando difende questa scelta. La zona compresa tra la Biblioteca e la sede Comunale e’ da decenni di proprieta’ del Comune e non c’era naturalmente nessun obbligo di realizzarci cubature.

Quando piu’ di 15 anni fa l’Amministrazione Comunale accetto’ di farsi carico della costruzione di una nuova sede per la Caserma dei Carabinieri, fu concordata con l’Arma la scelta di un terreno compreso nella zona destinata a Centro Civico. Successivamente l’Amministrazione nel 2012 ha acquisito la proprieta’ della grande area di tre ettari lungo via Mediterraneo, ove e’ stato realizzato il Centro di Aggregazione Giovanile.

A questo punto, sempre in accordo con il Comando dell’Arma, il progetto della nuova Caserma e’ stato spostato nel 2016 nella nuova area. Quindi l’area del Centro Civico e’ tornata di nuovo libera nella sua destinazione: nessuno obbligava Grando e la sua Giunta ad una scelta contraria agli interessi della citta’ e del suo ambiente. Il terreno e’ stato venduto a costruttori con una procedura ” ferragostana” e a un prezzo molto inferiore a quello di mercato per una zona cosi’ importante. Hanno svenduto cosi’ un’area verde che poteva essere aperta alla fruizione dei cittadini.

Come giustificazione Grando ricomincia con la lamentela dei ” debiti” trovati in Comune, lamentela che aveva abbandonato da un paio di anni.

A questo proposito il PD gli ricorda i “debiti” delle Amministrazioni precedenti, che lui ha dovuto solo inaugurare o utilizzare:

– l’Asilo Nido gia’ completato;

– il ponte ciclopedonale sul Sanguinara;

– la nuova Caserma dei Vigili Urbani;

– la nuova sede dell’Avis;

– i due milioni per il recupero di Torre Flavia;

– i quattro milioni della Regione per la lotta all’ erosione;

– i lavori di ristrutturazione della Stazione, decisi da Regione e Rfi nel 2016;

– 250 mila euro dell’ Agenzia Regionale Astral per i rifacimenti stradali;

– altri 900 mila euro per il rifacimento delle strade, presi con mutuo dalla precedente Amministrazione;

– l’Auditorium Freccia, acquisito e ristrutturato dalle precedenti Giunte, ora chiuso da tre anni.

Ci fermiamo qui sperando, nell’ interesse della citta’, che tutto questo patrimonio non venga dilapidato”.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizie

Civitavecchia, emessa ordinanza sugli alcolici. Vietata la vendita di bevande in vetro

Città

Cerveteri, domani la rassegna cinematografica dedicata all'attrice Monica Vitti

Città

Civitavecchia, avviati gli interventi di pulizia alla Marina

CittàNotizie

A12, la notte tra il 20 e il 21 gennaio chiusa l'uscita Nord e Sud di Civitavecchia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?