CittàEvidenzaNotizie

Omicidio Vannini, l’ex vicino dei Ciontoli: ”Mai ascoltato prima urla come quelle”

451 Condivisioni

Tommaso Liuzzi intervistato da Quarto Grado ripercorre la notte dell’omicidio del giovane Marco

Omicidio Vannini, l’ex vicino dei Ciontoli: ”Mai ascoltato prima urla come quelle” – “Urla come quelle non le avevo mai ascoltate prima”.

A parlare, ripercorrendo la drammatica notte della morte del giovane Marco Vannini, è Tommaso Liuzzi, ex vicino della famiglia Ciontoli. (GUARDA IL VIDEO)

Lui e tutta la sua famiglia, testimoniarono durante l’udienza di primo grado, nel processo per la morte del giovane.

E oggi, torna a rivivere quei drammatici momenti. Lo fa, intervistato da Anna Boiardi, di Quarto Grado.

“Ad un certo punto un forte boato mi ha svegliato” – ha raccontato Liuzzi – “Ho capito che proveniva dall’appartamento accanto. Ho iniziato a sentire delle urla molto forti e ho capito che qualcuno si era fatto male”.

E di urla così, l’ex vicino di casa dei Ciontoli, non ne aveva mai sentite prima. Proprio come raccontato da lui stesso nell’intervista.

“Quello che mi ha colpito di più è che Marco dicesse a Martina con una voca così preoccupata ‘Scusa Marti’. La nostra deduzione, quindi, è stata, che avesse fatto qualche stupidaggine”.

Sarà proprio la moglie di Tommaso Liuzzi, infermiera di professione, ad uscire di casa, anche su invito del marito, per accertarsi che tutto sia apposto e per verificare se qualcuno avesse bisogno di lei.

E come ripercorso anche durante la prima udienza del processo di secondo grado, a rassicurare la vicina di casa, ci pensò Viola Giorgini.

“Le hanno detto che l’ambulanza stava arrivando”.

Liuzzi si sofferma anche sulla visita a casa sua da parte di Maria Pezzillo, moglie di Antonio Ciontoli.

“Non veniva a casa mia da parecchi anni”, ha sottolineato. Una visita che Liuzzi ha comunque voluto registrare di nascosto.

Una visita nella quale Pezzillo chiede ai suoi vicini di casa che cosa avessero sentito. E all’affermazione di Liuzzi di aver sentito Marco chiedere scusa a Martina, Pezzillo corregge: “No, Massi … Massi” (il datore di lavoro di Marco).

Omicidio Vannini. Tommaso Liuzzi ex vicino dei Ciontoli
Omicidio Vannini. Tommaso Liuzzi ex vicino dei Ciontoli

“Ma scusa di cosa? – ha chiesto e si chiede l’ex vicino di casa dei Ciontoli – A questa domanda Maria Pezzillo si irritò moltissimo”.

Ed anche per questa famiglia, vissuta porta a porta con i Ciontoli, la vita, da quella tragica notte è cambiata. In particolar modo per la figlia.

“Ha chiuso con la musica – ha raccontato Tommaso – e questa vicenda le ha aperto la strada della giurisprudenza”.

Poi un pensiero ai genitori di Marco: “Forse non potranno mai trovare la pace, ma almeno avere quel senso di giustizia che gli dia una motivazione”.

451 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàCronaca

Finta sordomuta incassava soldi da passanti. Denunciata

CittàNotizieSport e Salute

Cerveteri, sfonda quota 120 prenotazioni il Corso sulle manovre di disostruzione delle vie aeree

CittàNotiziepolitica

Presentata a Santa Severa la proposta di legge sui 'domini collettivi e gli usi civici''

Cittàpolitica

Ladispoli, il PD: ''Solidarietà e vicinanza a Marietta Tidei"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista