fbpx
CittàCronaca

Omicidio Vannini, il ricorso del procuratore generale e le memorie della parte civile

Per la parte civile i fatti «sono stati ricostruiti in modo scorretto»

Omicidio Vannini, il ricorso del procuratore generale

Omicidio Vannini, il ricorso del procuratore generale
Omicidio Vannini, il ricorso del procuratore generale

La procura generale di Roma ha presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza della Corte d’Appello a carico di Antonio Ciontoli e ai suoi famigliari: i figli Federico e Martina e la moglie Maria Pezzillo, chiedendo l’annullamento della sentenza e il rinvio a un’altra sezione della Corte d’Assise d’Appello affinché sia riconosciuta la responsabilità penale in relazione al delitto di omicidio volontario per tutti gli imputati. In subordine chiede che vengano «disconosciute per il capofamiglia le attenuanti generiche ovvero siano le stesse attenuanti riconosciute subvalenti rispetto all’aggravante» contestata; per i familiari che venga riconosciuta l’aggravante della colpa cosciente, del delitto di omicidio colposo, come confermato dalla Corte.

A rafforzare la richiesta del sostituto pg Saveriano, il legale della famiglia Vannini, ha depositato una memoria evidenziando alcuni elementi di fatto, a cominciare dai principi relativi al dolo eventuale». Per l’avvocato Celestino Gnazi, i principi del dolo eventuale «sono stati mal applicati dalla sentenza di secondo grado che, anche ricostruendo malamente il fatto, avrebbe dovuto applicare i principi di diritto», emettendo dunque una sentenza «di omicidio volontario per tutti».

Per la parte civile i fatti «sono stati ricostruiti in modo scorretto». «Siamo andati avanti con la pistola che non spara, la ferita che non sanguina. Se invece viene affermata la verità che tutte le persone di buon senso potevano sapere che era un colpo di pistola, evidentemente tutti hanno visto». Nella sua memoria il legale ha messo in evidenzia tutti gli elementi di fatto che «se presi per buoni, e non possono non essere presi per buoni, devono per forza portare alla condanna per tutti per omicidio volontario». 

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Cittàpolitica

"Covid-19 Civitavecchia: bene l'uso dei droni"

CronacaNotizie

Undici anni fa la terra tremava a L'Aquila

CronacaNotizie

Fuga di gas a Manziana e Bracciano, sul posto i vigili del fuoco

AttualitàCittà

Cerveteri, Pascucci: "3 nuovi contagi, ma anche una nuova nascita"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.