fbpx
Notizie

Ladispoli, un segno di unità dai ragazzi della Corrado Melone per il 2 Giugno

I ragazzi anche se lontani hanno messo in scena l’Inno d’Italia grazie ai loro docenti

Ladispoli, un segno di unità dai ragazzi della Corrado Melone per il 2 Giugno –

Ladispoli, un segno di unità dai ragazzi della Corrado Melone per il 2 Giugno
Ladispoli, un segno di unità dai ragazzi della Corrado Melone per il 2 Giugno

Un segno di unità in un giorno particolare come quello di oggi: il 2 Giugno. E’ il contributo che hanno voluto dare i ragazzi della Corrado Melone grazie all’aiuto dei loro insegnanti.

“Fra tutti i Paesi del Mondo, l’Italia è fra le poche Nazioni che festeggiano la sua nascita derivante non da guerre o rivolte, ma da un atto democratico: il referendum per la scelta fra Monarchia e Repubblica”, ha detto il dirigente scolastico Riccardo Agresti.

“L’Italia, che è stato il risultato della fusione (spesso anch’essa voluta democraticamente) di tanti piccoli staterelli, è la dimostrazione di come non le divisioni, ma solo l’unione, l’accordo e la solidarietà rendono grande un Paese”.

“In questo triste e tragico periodo abbiamo osservato come il vero pericolo non prevenga da nostri simili, stranieri che parlino lingue diverse dalla nostra o abbiano pelle o capelli di diverso colore, ma da un essere che nemmeno potrebbe essere definito “vivente”. Un virus che ci sta togliendo la socializzazione di cui abbiamo bisogno fortemente”.

“Come tutta la nostra Scuola, l’istituto comprensivo Corrado Melone, anche i docenti di musica non hanno abbandonato i ragazzi e, usando l’espressione più elevata dello spirito umano, hanno voluto dare un segno di unità, nella lontananza, che potete godervi visionando il video”.

“Desidero ringraziare i docenti che hanno collaborato: i professori Carmen Petrocelli, Patricia Vargas, Michele Muscolino, Augusto Travagliati, Francesco Maiuolo e l’ideatore dell’iniziativa direttore dell’orchestra Melone, il prof. Sergio Cozzi”.

“Voglio poi esprimere la mia ammirazione per i ragazzi che si sono messi in gioco (alcuni stanno toccando lo strumento solo da pochissimi mesi), la riconoscenza per i genitori o i fratelli che hanno realizzato i video e la gratitudine più profonda per il papà che ci ha aiutati nella non banale post produzione del video, il signor Enrico Barbanera”.

Fra tutti i Paesi del Mondo, l’Italia è fra le poche Nazioni che festeggiano la sua nascita derivante non da guerre o rivolte, ma da un atto democratico: il referendum per la scelta fra Monarchia e Repubblica.L’Italia, che è stato il risultato della fusione (spesso anch’essa voluta democraticamente) di tanti piccoli staterelli, è la dimostrazione di come non le divisioni, ma solo l’unione, l’accordo e la solidarietà rendono grande un Paese.In questo triste e tragico periodo abbiamo osservato come il vero pericolo non prevenga da nostri simili, stranieri che parlino lingue diverse dalla nostra o abbiano pelle o capelli di diverso colore, ma da un essere che nemmeno potrebbe essere definito “vivente”. Un virus che ci sta togliendo la socializzazione di cui abbiamo bisogno fortemente.Come tutta la nostra Scuola, l'Istituto Comprensivo Corrado Melone, anche i docenti di musica non hanno abbandonato i ragazzi e, usando l’espressione più elevata dello spirito umano, hanno voluto dare un segno di unità, nella lontananza, che potete godervi visionando il video.Desidero ringraziare i docenti che hanno collaborato: i proff. Carmen Petrocelli, Patricia Vargas, Michele Muscolino, Augusto Travagliati, Francesco Maiuolo e l’ideatore dell’iniziativa direttore dell’orchestra Melone, il prof. Sergio Cozzi.Voglio poi esprimere la mia ammirazione per i ragazzi che si sono messi in gioco (alcuni stanno toccando lo strumento solo da pochissimi mesi), la riconoscenza per i genitori o i fratelli che hanno realizzato i video e la gratitudine più profonda per il papà che ci ha aiutati nella non banale post produzione del video, il signor Enrico Barbanera.

Gepostet von Riccardo Agresti am Montag, 1. Juni 2020

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizie

Daniele Papa, domani mattina la posa della targa commemorativa

CittàNotizie

Elicottero nel Tevere, priorità al recupero dei corpi

CittàNotizie

Zotta: “Lavoriamo senza sosta per l’inizio dell’anno scolastico”

CittàNotizie

Ladispoli, il cinghiale rovista tra i rifiuti

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.