fbpx
Notizie

“Kitesurfer, soddisfatti per il lavoro della Procura”

4 Condivisioni

Il Movimento 5 Stelle esprime soddisfazione per le indagini portate avanti dalla magistratura che hanno portato alla richiesta di rinvio a giudizio per due piloti e un ammiraglio della marina militare

“Kitesurfer, soddisfatti per il lavoro della Procura” –

Il 3 Ottobre dello scorso anno un kitesurfer romano mentre era sulle spiagge di Torre Flavia era stato sollevato in aria dalle turbine di un elicottero militare e lanciato a metri di distanza procurando allo sportivo multiple gravi lesioni dalle quali non si è ancora completamente ripreso.

Il mezzo militare era impegnato in manovre di addestramento con altri velivoli dell’UE in un pomeriggio che molti ladispolani ricorderanno perché la presenza a bassa (e bassissima) quota di tanti elicotteri aveva causato preoccupazione ed ansia tra i residenti.

L’episodio accaduto allo sportivo aveva creato perplessità tra i cittadini sia riguardo l’opportunità di manovre militari in prossimità di zone residenziali che sulla legittimità della posizione ed altitudine del velivolo militare al momento dell’incidente.

La nostra rappresentante territoriale (in Parlamento) Marta Grande si era fatta portavoce della preoccupazione dei cittadini presentando una interrogazione sull’episodio al Ministro della Difesa.

Apprendiamo ora, da vari organi di stampa, che la Procura della Repubblica di Civitavecchia ha richiesto il rinvio a giudizio per due piloti ed un ammiraglio della Marina Militare.

Come MoVimento 5 Stelle di Ladispoli vogliamo esprimere la nostra soddisfazione nei confronti della Procura di Civitavecchia per l’attività di ricerca della verità dei fatti accaduti, non perché ci aspettiamo la condanna degli indagati ma perché potrebbe contribuire a migliorare la programmazione di futuri scenari di addestramento in modo da aumentare la sicurezza della popolazione civile.

Vogliamo anche ringraziare la Capitaneria di Porto di Civitavecchia e la sezione locale di Ladispoli che hanno svolto le indagini per la Procura.

Come cittadini di Ladispoli non dimentichiamo che la nostra Capitaneria di Porto oltre a garantire i servizi di sicurezza in mare e sulle coste, garantendo tra l’altro la sicurezza in marre per gli eventi AirShow e Jova “disatro ambientale” (siamo ironici Lorenzo) Party, ha svolto negli ultimi anni il importante ruolo di presidio di legalità e salvaguardia dell’ambiente identificando centinaia di condutture fognarie abusive nelle campagne cerveterane, depuratori non a norma sempre dai nostri vicini etruschi e disvelando la passata estate anomalie nella gestione della concessione degli arenili da parte della amministrazione Grando, attualmente all’attenzione della Procura di Civitavecchia.

Sicurezza, ambiente e legalità, grazie continuate così!

4 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerenova, alunno positivo al Covid: domani didattica a distanza per la classe 1c

Notizie

Santa Marinella, donna investita su via Valdambrini

Notizie

Coronavirus, 3 nuovi positivi a Ladispoli. 1 a Cerveteri

Notizie

Ladispoli, largo Verrocchio. L'assessore De Santis: “La sicurezza prima di tutto”

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.