fbpx
 
CittàCronaca

I tifosi dell’Atalanta lasciano il segno anche al ritorno

Treno devastato e pendolari “aggrediti” verbalmente dalla tifoseria di rientro dalla Coppa Italia

I tifosi dell’Atalanta lasciano il segno anche al ritorno –

Hanno fumato cannabis sdraiati per terra, aggredito verbalmente i pendolari, per lo più studenti, che dovevano salire e quelli che stavano già sul convoglio.

La tifoseria dell’Atalanta ha lasciato il segno, in negativo, anche durante il viaggio di ritorno.

Diverse le testimonianze dei pendolari della Fl5 che anche questa mattina sul treno per Pisa Centrale delle 6.51 hanno dovuto fare i conti con loro.

Alcuni studenti sono stati costretti ad abbandonare il treno.

C’e anche chi ha segnalato lo stop del convoglio per ben 25 minuti tra le stazioni di Marina di Cerveteri e Santa Severa per i disordini causati dalla tifoseria.

Qualcuno secondo i racconti si sarebbe addirittura sentito male.

Insomma, una storia che si ripete.

I tifosi dell’Atalanta lasciano il segno anche al ritorno

Già ieri durante il viaggio di andata il treno utilizzato era stato letteralmente preso d’assalto.

Tanto che prima di riprendere il viaggio, da Roma Termini a Pisa, è stato necessario un intervento straordinario di pulizia.

Pareti e vetri imbrattati, per non parlare del pavimento.

Residui di cibo e bevande e frasi offensive nei confronti della squadra avversaria hanno invaso il treno utilizzato.

Ovviamente le polemiche da parte dei pendolari, “costretti” sullo stesso convoglio, non sono mancate per la mancanza di senso civico dimostrata.

Per non parlare delle lamentele di chi già ieri ha subito oltre un’ora di ritardo per poter rientrare a casa dalla Capitale.

Post correlati
CittàCronaca

Fiumicino: operazione "Plastic Free" ieri sulla spiaggia di Focene

CittàCronaca

Civitavecchia ricorda Norma Cossetto, la studentessa istriana stuprata e gettata ancora viva in una foiba dai partigiani di Tito

AttualitàCittà

Ladispoli: in piazza Rossellini arriva "Urban Nature"

CittàNotizie

Truffe agli anziani: i militari dell'Arma incontrano i cittadini

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.