fbpx
AttualitàCittà

Fiumicino, grande successo per la mostra ‘Dinosauri in Carne e Ossa’ nell’Oasi WWF Macchiagrande

152 Condivisioni

Oltre 2.000 visitatori hanno raggiunto il litorale romano per passare una giornata tra i giganti della preistoria

Fiumicino, grande successo per la mostra ‘Dinosauri in Carne e Ossa’ nell’Oasi WWF Macchiagrande

Venerdì 22 marzo è stata inaugurata una nuova mostra dei Dinosauri in Carne e Ossa presso l’Oasi WWF Macchiagrande a Fiumicino. 

In parallelo alla mostra che si sta svolgendo presso la Riserva naturale Cratere degli Astroni a Napoli, giunta alla sua terza edizione, la mostra ha riscosso un grande successo nel primo fine settimana di apertura.

Oltre 2.000 visitatori hanno raggiunto il litorale romano per passare una giornata tra i giganti della preistoria. Entrambe le iniziative, che hanno per filo conduttore il tema dell’estinzione delle specie attraverso l’hashtag #NonEstinguerti rappresentano un format innovativo che prevede all’interno delle Oasi l’installazione di una serie di ricostruzioni iperrealistiche e in grandezza naturale di dinosauri e altri animali preistorici. 

La mostra si avvale di pannelli didattici dettagliati e di guide adeguatamente formate per scolaresche di ogni ordine e grado.

Presso l’Oasi di Macchiagrande sono 24 le riproduzioni – rigorosamente a grandezza naturale – di altrettante specie di dinosauri e altri animali estinti, frutto di studi scientifici, di una lavorazione altamente specializzata.

Le sculture, perfettamente integrate nello scenario naturale, ripropongono lungo un percorso di circa 2 km. le creature del passato come dovevano essere in vita: dal celeberrimo T-rex all’agile Deinonico, dal piccolo sauropode romano soprannominato “Tito” al gigantesco Diplodoco e molto altro ancora.

“La realizzazione della mostra didattica presso l’Oasi WWF di Macchiagrande è il frutto di una condivisione di intenti legata alla promozione della conoscenza e della divulgazione della cultura scientifica e naturalistica.

Il pubblico ha apprezzato molto l’iniziativa” ha detto Francesco Marcone Direttore delle Oasi WWF del Litorale Romano. “Nemmeno una bustina di rifiuti raccolti nonostante il grande afflusso di visitatori.

Questo è un risultato importante in quanto i visitatori hanno sostenuto un comportamento attento e responsabile, accogliendo l’appello di un’oasi a rifiuti zero”.

A Napoli la mostra è giunta alla sua terza edizione con un nuovo percorso con altrettanti esemplari. Nel fine settimana circa 1.000 persone sono tornate al Cratere degli Astroni per la sua nuova edizione.

La mostra che parte dalla riserva reale di caccia per opera di Alfonso D’Aragona per poi arrivare al nel cratere originatosi circa 3.700 anni fa all’interno della riserva naturale preservata dal WWF, ha come tema la preistoria e spiega le grandi estinzioni di massa, il percorso espositivo dà ai “viaggiatori” una chiara storia della vita sul pianeta, dalla conquista della terraferma avvenuta nell’era primaria (paleozoica) fino ai nostri giorni.

Lo scopo è di stimolare i bambini e di farli riflettere sul tema dell’estinzione” – spiega il Direttore della Riserva Naturale degli Astroni Fabrizio Canonico – “sensibilizzare e sollecitare la politica sui temi del capitale naturale”.

La storia della Terra è stata scandita da ben cinque estinzioni di massa, causate da catastrofi naturali. Tra queste la più famosa è la quinta, originata dalla caduta sulla Terra di un enorme meteorite, avvenuta circa sessantasei milioni di anni fa, e che ha provocato la scomparsa dei giganteschi dinosauri, dominatori del Mesozoico, vere e proprie icone della Preistoria come il tirannosauro e il triceratopo. 

Le due mostre, aperte fino al 10 novembre, hanno come tema l’estinzione delle specie. 

Se le prime cinque estinzioni sono state di origine naturale, quella che molti scienziati prevedono stia per avvenire, la sesta, è causata proprio dall’impatto della specie umana sul pianeta.

152 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Città

Cerveteri, raccolta alimentare per aiutare i bisognosi

Attualità

Jova Beach Party, il WWF: "Piantati 500 mila semi di sostenibilità"

Attualità

Bracciano, affidamento impianti sportivi comunali

Attualità

Italia Nostra Lazio: "Chiediamo spiegazioni sul taglio degli alberi a Bracciano"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?