fbpx
Attualità

E’ nato l’Osservatorio contro Discriminazioni nello Sport

5 Condivisioni

E’ nato l’Osservatorio contro Discriminazioni nello Sport

Nasce l’Osservatorio nazionale contro le discriminazioni nello sport, grazie al protocollo d’intesa siglato a Roma presso la sede dell’UNAR-Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, tra il direttore dell’Unar Triantafillos Loukarelis, il presidente della Uisp Vincenzo Manco ed il vicepresidente dell’associazione Lunaria Duccio Zola.

Madrina dell’evento, intervenuta in video conferenza, è stata Beatrice Ion, atleta paralimpica della nazionale di basket femminile, aggredita nei giorni passati con minacce e insulti razzisti.

“Lo sport è uno dei luoghi di comunità dove vengono trasmessi i valori del rispetto e della convivenza – ha detto il direttore Unar, Loukarelis – Vogliamo rompere il muro del silenzio e dare fiducia ai tanti ragazzi e ragazze che subiscono discriminazione per fare in modo che non si sentano soli e che questi gravi fatti non vengano più ignorati. Da settembre costruiremo un network che parta dai promotori e coinvolga anche federazioni, centri di ricerca per fare un lavoro di squadra e costruire reti. Questo osservatorio è dedicato al nostro collega Mauro Valeri scomparso lo scorso anno, che ha concentrato i suoi studi sui fenomeni del razzismo e della xenofobia, in particolare nei legami col mondo dello sport”.

“Uisp ci mette la faccia unendo ai valori di coesione sociale anche azioni concrete per l’integrazione, la pace e la tolleranza. Uisp fornisce all’Osservatorio la possibilità di essere presente capillarmente su tutto il territorio nazionale, attraverso la propria rete territoriale fatta di 119 comitati in tutta Italia, 19 regionali e 16.500 società sportive affiliate” ha detto Vincenzo Manco, presidente Uisp.

“Lo sport è un luogo di buone pratiche di inclusione sociale e rispetto delle diversità, quali valori fondanti della democrazia e della convivenza civile” – dichiara Duccio Zola, vicepresidente Lunaria.

Le discriminazioni nello sport esistono e io le ho vissute sulla mia pelle come sportiva e come donna – ha detto nel suo intervento Beatrice Ion – Le persone devono sapere che queste cose sono sbagliate e non vanno fatte. Grazie a Unar, Uisp e Lunaria per aver dato vita a questo Osservatorio: è bello non sentirsi soli ed essere tutelati da qualcuno. Non è facile raccontare storie in cui si subisce discriminazione, però è l’unico modo per contrastarle, vista la molta ignoranza che c’è in giro sull’argomento. Io e mio padre ora stiamo bene, soprattutto mio padre ora si sta riprendendo dopo l’aggressione e per fortuna ha solo uno zigomo rotto e presto sarà sottoposto ad operazione”. 

5 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittà

Cerveteri, il Sindaco Pascucci invita a partecipare al Natale di AISM

Attualità

Coronavirus, oltre 28.000 nuovi positivi. 827 i decessi

AttualitàCronaca

"Nel Lazio il virus rallenta". 2276 nuovi positivi, record di guariti

Attualità

Lavori pubblici, l'Assessore De Paolis: "In corso riqualificazione delle strade al quartiere Boccelle"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.