fbpx
 
Notizie

Delfino morto rinvenuto ad Ostia

A segnalare l’accaduto Oceanomare Delphis Onlus

Delfino morto rinvenuto ad Ostia

A darne notizia attraverso la propria pagina facebook è la Onlus Oceanomare Delphis:

“La segnalazione ci è arrivata grazie alla collaborazione instaurata con il X Municipio di Roma, prendendo atto del buon funzionamento dell’effetto rete generato dalla segnalazione di un cittadino, @Francesco Vitolo e @Alessandro Ieva, rispettivamente Presidente della Commissione e Assessore all’ambiente del municipio, la Capitaneria di Porto di Roma, l’Osservatorio Ambientale, la Lipu e gli altri enti preposti.
La preoccupazione del team di Oceanomare Delphis è che l’individuo spiaggiato sia uno dei “Delfini Capitolini”, nome del progetto di ricerca e monitoraggio dei cetacei del litorale romano, tra Ostia, Fiumicino e Torvaianica condotto dal 2011 da ODO. 

Delfino morto rinvenuto ad Ostia
Delfino morto rinvenuto ad Ostia

Gli istituti zooprofilattici di Lazio e Toscana interverranno per comprendere le cause della morte. Considerato che negli ultimi mesi sono stati numerosi gli spiaggiamenti di delfini nel nord Tirreno (in Toscana sono arrivati a 41 spiaggiamenti di delfini, tra stenelle e tursiopi), che il principale indiziato delle cause di morte è il morbillivirus (ancora da accertare con sicurezza), causa di epidemie di cetacei negli anni novanta, e che gli animali possono essere portatori di patogeni trasmissibili all’uomo, è importante che l’animale non venga toccato o avvicinato fino al momento dell’arrivo degli esperti”.

foto: oceanomare delphis onlus pagina facebook

Post correlati
CittàNotizie

Santa Marinella rende omaggio alle vittime dell'alluvione del 2 ottobre 1981

CittàCronacaNotizie

Tourisma 2022, Battafarano: "Qui per parlare non di un progetto singolo, ma di una visione di sviluppo che coinvolge l'Etruria Meridionale"

AttualitàCittàNotizie

Cerveteri deve impegnarsi a dedicare il viale della Necropoli a Raniero Mengarelli

CittàCronacaNotizie

Santa Marinella, tenta di togliersi la vita sull’autostrada: salvato

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.