fbpx
CittàCronacaNotizie

“Da Serena Mollicone a Cucchi e Vannini c’è un sistema con cui si intimidiscono le persone”

Lo dice l’appuntato Riccardo Casamassica che, da quando ha testimoniato sul caso Cucchi è stato trasferito

“Da Serena Mollicone a Cucchi e Vannini c’è un sistema con cui si intimidiscono le persone” –

“Esiste un sistema, da Serena Mollicone a Cucchi e Vannini, con cui si intimidiscono le persone, per farle tacere, per non denunciare”.

A dirlo è Riccardo Casamassica il Carabiniere che con la sua testimonianza ha rotto il silenzio sul caso di Stefano Cucchi.

“E io faccio scuola, come sostiene il mio avvocato Simona Gasperini, io sono un monito per gli altri – ha proseguito, come riportato da Dire – Forse per questo il comandante generale dei Carabinieri, Giovanni Nistri, mi offende, mi insulta, mi chiama ‘delinquente e stalker’ e non vuole ricevermi a rapporto”.

Per Casamassica quella messa in atto è una “strategia della paura che lascia di fatto le persone che parlano senza tutele”.

A proposito di tutele aveva parlato qualche giorno fa il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta che aveva invitato il brigadiere della caserma di Ladispoli, Manlio Amadori a raccontare all’Autorità Giudiziaria tutto quello che sapeva sul caso Vannini”.

Proprio Casamassica nei giorni scorsi, dopo la puntata delle Iene aveva invitato il brigadiere a parlare, a raccontare quello che sapeva. A fare, insomma, come aveva fatto lui.

E sempre l’appuntato, trasferito all’aeroporto di Ciampino, “dove vengono mandati i Carabinieri che denunciano” (come riferisce lui), aveva mostrato solidarietà a Davide Vannicola, il tolfetano che aveva raccontato di una chiamata di Antonio Ciontoli al maresciallo Roberto Izzo ben prima che fosse chiamata per la prima volta il 118 la tragica sera del 17 maggio 2015.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerveteri, da Anno Zero le condoglianze alla famiglia Badini Vaia

Notizie

Black out a Ladispoli e Cerenova

Notizie

Il 5 luglio si è svolta la passeggiata organizzata da LIPU Civitavecchia-Monti della Tolfa

Notizie

Blocco treni a Maccarese, Ladispoli ringrazia la Protezione civile La Fenice per il lavoro svolto ieri

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.