fbpx
Attualità

Coronavirus, oggi in Italia 7.925 nuovi casi e 329 decessi

13 Condivisioni

Coronavirus, oggi in Italia 7.925 nuovi casi e 329 decessi –

Sono 7.925 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri erano +11.252). Sale così ad almeno 2.560.957 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 329 (ieri erano +237), per un totale di 88.845 vittime da febbraio 2020. Mentre le persone guarite o dimesse sono 2.024.523 complessivamente (oltre 2 milioni dal 31 gennaio): 13.975 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri +20.396). E gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere in tutto 447.589 (sotto la soglia di 500 mila dal 23 gennaio), pari a -6.379 rispetto a ieri (-9.384 il giorno prima). La flessione degli attuali positivi di oggi — con il segno meno davanti — dipende dal fatto che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero maggiore rispetto ai nuovi casi. Questa flessione in giù va avanti ogni giorno dal 25 gennaio.

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 142.419 (il minimo assoluto dall’introduzione dei rapidi), ovvero 70.945 in meno rispetto a ieri quando erano stati 213.364. Mentre il tasso di positività è 5,6% (l’approssimazione di 5,56%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 5 sono risultati positivi; ieri era 5,3%. Dal 15 gennaio questa percentuale casi/tamponi è calcolata contando anche i test rapidi, di conseguenza è più bassa rispetto a quella dei bollettini precedenti al 15 gennaio e non è possibile fare confronti con lo storico.

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri. Il calo delle nuove infezioni si registra ogni lunedì ed è generato dai pochi tamponi processati — il più basso di tutta la settimana — perché riguarda le analisi domenicali. Per esempio: lo scorso lunedì i casi sono stati +8.562 con appena 143 mila tamponi totali, tra molecolari e rapidi, e con un tasso del 6% (questa percentuale in genere tende ad aumentare con meno test perché probabilmente si cerca in modo più mirato, testando soprattutto chi ha sintomi). Di fatto, oggi il numero di casi è il minimo del 2021, con ancora meno tamponi di lunedì scorso — quindi il minimo assoluto — e il rapporto di casi su tamponi che sale dal 5,3% di domenica al 5,6% odierno. Da domani in avanti si capirà meglio l’andamento dello scenario. Attenzione a non abbassare la guardia, avvertono gli esperti che temono un peggioramento con le zone gialle. Considerando anche il rallentamento delle vaccinazioni. «Visti i rallentamenti che ci sono stati sulle forniture dei vaccini anti-Covid, raggiungere l’immunità di gregge a fine anno appare sempre più un traguardo sfumato, ma dobbiamo puntare a raggiungere almeno una copertura del 20-30% e coinvolgere nell’immunizzazione le persone a rischio», ha detto il virologo dell’università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco.

Aumentano le degenze, in area critica e non, dopo sei giorni di decrescita. I dati totali degli ospedalizzati sono comunque simili a quelli di inizio novembre. I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono +164 (ieri -2), per un totale di 20.260 ricoverati, come il 3 novembre, quando è stata superata la soglia di 20 mila ricoveri. I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono +37 (ieri -3), portando il totale dei malati più gravi a 2.252. La variazione dei posti letto occupati, in area critica e non, indica il saldo tra i pazienti usciti e quelli entrati nelle ultime 24 ore. I nuovi ingressi in TI sono +145 (ieri +97).

I cittadini vaccinati sono oltre 1,9 milioni.

13 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Giannelli presidente Presidi: "A scuola distanziamento impossibile"

AttualitàEvidenzaNotiziepolitica

Alitalia, Ascani (PD): "Preoccupato per la linea politica portata avanti dal Governo Draghi"

AttualitàMondo

Israele, addio alla mascherina: resta l'obbligo al chiuso

AttualitàCittà

Ladispoli, esami di inglese PET B1 per gli alunni dell'Alberghiero

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.