fbpx
Attualità

Coronavirus, apre oggi il bando della Regione per i ristori alle imprese

18 Condivisioni

A disposizione 51 milioni di euro di ristori a fondo perduto. La partecipazione al bando possibile solo per via telematica

Coronavirus, apre oggi il bando della Regione per i ristori alle imprese –

Apre oggi, dalle ore 10.00, il bando della Regione Lazio che mette a disposizione 51 milioni di euro per ristori a fondoperduto in favore di imprese danneggiate dall’emergenza coronavirus.

La partecipazione al bando sarà possibile esclusivamente per via telematica all’indirizzo internet https://www.regione.lazio.it/ristorolazioirap/ sino alle 10.00 di lunedì 8 febbraio (o sino a esaurimento risorse).

La domanda potrà essere firmata digitalmente o in modalità olografa.

Coronavirus, apre oggi il bando della Regione per i ristori alle imprese
Coronavirus, apre oggi il bando della Regione per i ristori alle imprese

Potranno ricevere i fondi di “Ristoro Lazio Irap” i liberi professionisti titolari di partitaIva e le micro, piccole e medie imprese (mpmi) appartenenti a 283 distinti codici Ateco: tutti quelli elencati nei DL Ristori bis e quater (a eccezione di cinema, teatri, taxi e Ncc perché già ristorati con altre misure regionali ad hoc) e tutti quelli di: commercio all’ingrosso, commercio al dettaglio e servizi alla persona che sono stati chiusi dai decreti di marzo.

L’importo del ristoro – un contributo a fondoperduto, fino a un massimo di 25.000 euro a impresa – sarà pari alla rata dell’acconto Irap 2020, originariamente dovuta dalle imprese entro il 30 novembre.

Il riferimento alla rata Irap è pensato per rendere automatico il calcolo delle somme e più rapida la loro erogazione.

Più in dettaglio, i ristori saranno destinati a:

  • pubblici esercizi, come ristoranti, bar, gelaterie, enoteche, pasticcerie
  • operatori del Turismo, come attività ricettive alberghiere e non (B&B ecc.), campeggi, ostelli, agenzie di viaggi, tour operator, guide turistiche
  • attività di organizzazione di convegni, fiere, feste, cerimonie;
  • attività legate a tempo libero e benessere: discoteche, parchi tematici, centri benessere e termali, spa
  • attività del settore della cultura come musei, servizi di biglietteria di eventi, noleggi di strutture e attrezzature per spettacoli e manifestazioni, biblioteche, giardini zoologici ecc.), a eccezione di cinema e teatri per i quali la Regione ha già pubblicato due avvisi specifici
  • attività del settore dello sport (attività di corsi sportivi, palestre, piscine ecc.) che non abbiano già usufruito della specifica misura regionale per Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche
  • attività del commercio, all’ingrosso e al dettaglio, chiuse dai decreti di marzo, oltre ad agenti e rappresentanti di commercio
  • attività di servizi alla persona (barbieri, parrucchieri, estetisti ecc.).

(torna a Baraondanews)

18 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Coronavirus, D'Amato: "Con la vaccinazione degli anziani si riduce l'incidenza e la mortalità"

Attualità

Ladispoli: frigo abbandonato sulla spiaggia di Marina di San Nicola

Attualità

Coronavirus, D'Amato: "Sull'unica dose servono indicazioni chiare"

Attualità

Super Enalotto: a Bracciano centrato un "5" da 67mila euro

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.