fbpx
Notizie

Cerveteri, dipendenti comunali minacciano lo sciopero

61 Condivisioni

A causare il braccio di ferro le parole del Sindaco Pascucci nei confronti dei dipendenti. Il sindacato: “Mai avuto rapporto con il primo cittadino”

Cerveteri, dipendenti comunali minacciano lo sciopero

Dipendenti comunali verso lo stato di agitazione. Ad annunciarlo è stato il responsabile della Uil Fpl Lazio, Rita Longobardi. A causare il braccio di ferro tra il sindacato e l’amministrazione comunale, primo cittadino in testa, le parole aspre pronunciate dal sindaco Pascucci durante l’ultimo consiglio comunale nei confronti dei dipendenti comunali.

Parole non digerite da parte dei sindacati che, nell’immediato, hanno chiesto un incontro con il primo cittadino che peraltro ha mantenuto a sè la delega al personale. La Uil aveva chiesto un incontro per cercare di fare il punto della situazione, ponendo l’accento sulle problematiche in cui ormai da anni versano i dipendenti comunali: blocco del turn over e poche risorse, anche economiche, a disposizione per far fronte all’espletamento dei servizi.

Cerveteri, dipendenti comunali minacciano lo sciopero
Cerveteri, dipendenti comunali minacciano lo sciopero

Ma ad oggi, a quanto pare, da parte di Pascucci, non sarebbe arrivata alcuna risposta. «Quelle del Sindaco – ha ribadito Longobardi a “Cambia il mondo” – sono state parole pensanti. Non sappiamo da dove arrivino». La responsabile Uil punta i riflettori sull’assenza di dialogo tra le parti: «Non abbiamo mai avuto un rapporto con il Sindaco e il contratto del lavoro approvato a maggio 2018 dice una cosa abbastanza chiara: confronto, partecipazione e corrette relazioni sindacali. Un sindaco che si rifiuta di dialogare con noi, dopo averglielo chiesto, la dice lunga sull’approccio dato all’argomento».

Carenza d’organico e di risorse limitate che non interessa solo i dipendenti all’interno del palazzetto comunale ma anche il corpo della Polizia locale, come evidenziato da Stefano Lucarini membro dell’Rsu della Polizia locale di Cerveteri. «Da 10 anni parliamo e cerchiamo di avere dal sindaco delle risposte. Siamo riusciti, nonostante la carenza di personale, ormai cronica e patologica, a uscire indenni dalla stagione estiva grazie al buon lavoro svolto anche con le altre forze di Polizia». Un corpo, quello della municipale, ad oggi, arrivato «al punto di default – come evidenziato da Lucarini – Su 16 unità quasi tutti superano i 50 anni. Significa che siamo arrivati alla frutta». Ora, la prossima settimana il sindacato ha convocato un’assemblea generale dei dipendenti per chiedere mandato di indire lo stato di agitazione e avviare il tavolo in Prefettura.

61 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Coronavirus, oggi vaccinati in 308 nella Asl Roma 4

Notizie

Deposito delle scorie, il no del Consiglio regionale del Lazio

ItaliaNotizie

Vaccini, UE: “copertura del 70% adulti entro l’estate”

CittàNotizie

Coronavirus, 2 positivi a Cerveteri e 2 a Ladispoli, un morto a Civitavecchia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.