fbpx
 
 
CittàCronacaNotiziepolitica

Ardita: “Disagio giovanile a Ladispoli? Un vero problema sociale”

Il consigliere di Fratelli d’Italia Giovanni Ardita esprime la sua opinione sulla rissa dei giorni scorsi a Ladispoli definendola un vero problema sociale.

“La rissa accaduta in pieno centro a Ladispoli ha fatto scaldare anche la politica. Siamo arrivati a fatti di microcriminalità giovanile, i fatti si sono manifestati di pomeriggio ed in pieno centro tra Viale Italia e via Palermo, ora si che c’è da preoccuparsi!  Non bisogna limitarsi a criticare o a slogan elettorali, è giunto il momento di fare di più!”

“Personalmente – afferma duramente Ardita – non sono per nulla sorpreso, solo due anni fa in piena pandemia venivo chiamato dai residenti di via duca degli Abruzzi, via Lazio o del Lungomare Regina Elena dove bande di giovani si davano appuntamento. I ragazzi erano tutti senza mascherina, bevevano e in tutta tranquillità la facevano da padroni danneggiando auto o prendendosela con gli stabilimenti balneari limitrofi”.

“Nel mio piccolo credo di aver fatto il mio dovere, ho avvisato le autorità e le forze di polizia di questi comportamenti, lasciando senza problemi le mie generalità, devo dire che tempestivamente le forze di polizia sono intervenute” prosegue Ardita.

Ardita: "Disagio giovanile a Ladispoli? Un vero problema sociale"
Ardita: “Disagio giovanile a Ladispoli? Un vero problema sociale”

“Così come, diverse famiglie e pendolari mi hanno informato di fatti di violenza, di scippi e di aggressioni avvenute nei pressi della stazione ferroviaria di Ladispoli, disagio più volte anche evidenziato dalla stampa, arrivato al culmine con l’aggressione di un capotreno nel sottopasso”.

“Io come sempre non sono rimasto a guardare, ho scritto a RFI chiedendo perché non erano in funzione le telecamere nel sottopasso della stazione, dopo qualche giorno mi sono trovato nella mia posta elettronica una bella risposta, “sig. Ardita delegato dei pendolari del comune di Ladispoli le telecamere di videosorveglianza del sottopasso della Stazione di Ladispoli sono di competenza del Comune di Ladispoli e sono state oscurate durante i lavori della stazione” svela il consigliere.

“Considerato che era trascorso più di un anno dalla fine dei lavori della stazione e del sottopasso ho rappresentato il problema al sig. Sindaco Alessandro Grando”.

“Allora chiedo, non “per un amico” ma per i cittadini di Ladispoli: sono trascorsi due anni dal fine lavori, un anno da quando ho rappresentato il problema al sindaco Grando, considerato i diversi fatti di crimini accaduti nel sottopasso, il comune ha ripristinato le telecamere di videosorveglianza nel sottopasso della stazione? Sono in funzione le telecamere dalla stazione di Ladispoli al centro della città? Se sono in funzione, qualcuno le controlla? O dobbiamo tutte le volte intervenire dopo che succede un fatto grave per comprendere che è importante la sicurezza e la prevenzione?”

Ardita: “Disagio giovanile a Ladispoli? Un vero problema sociale”

“Questo non significa che dobbiamo dare la responsabilità al sindaco per i fatti accaduti con la rissa dello scorso pomeriggio, però se me ne sono accorto io di questi problemi, certo che se me ne sono accorto io che abito a Soriano nel Cimino e lavoro 5 giorni su 5 a Roma, ma chi sta tutto il giorno nel palazzetto comunale non si accorge dei problemi quotidiani della nostra città? È da tempo che insisto nel dire che la politica deve investire sulla cultura, sullo sport, sul sociale, sul mondo del lavoro per far crescere bene i giovani, c’è chi non ascolta e crede che la politica sia solo buttare giù villini ad un piano per tirare su palazzine di tre o quattro piani. Non vi siete mai chiesti se con il Covid sono aumentati i problemi sociali delle famiglie, quanti sono rimasti senza lavoro, quanti senza casa, quanti con lo sfratto esecutivo? l’altro giorno il papà di un noto politico mi ha risposto sui social, “non ti preoccupare presto anche te andrai a dormire nelle panchine della stazione”, devo dire che l’insulto non mi ha toccato, sono e rimango sempre dalla parte degli ultimi e non a chiacchiere o per interesse. Come diceva il grande Totò “i soldi fanno ricchi, ma è il rispetto, l’educazione e l’umiltà che fanno “signore”. Se non ce l’hai, resti sempre e solo un miserabile arricchito”. Mi ha dato più fastidio che mi volesse insultare facendosi beffa di chi dorme per strada e millanta aiuti ai più deboli, caro poco “signore” la solidarietà e le raccolte alimentari si fanno per tutti ed in silenzio e non a favore di telecamera, magari attraverso la Caritas e non inviando pacchi solo a casa delle famiglie di qualche amico per poi aver un riscontro elettorale alle prossime elezioni, poveri sono tutti, anche quelli che non votano o non ti votano, tutti dovrebbero essere aiutati, perché chi ha meno ed è stato meno fortunato nella vita ha bisogno di aiuto non di essere emarginato” conclude il consigliere di Fratelli d’Italia.

Post correlati
CittàCronaca

Lotta alla spaccio di sostanze stupefacenti: arrestate 12 persone in flagranza di reato

Attualitàpolitica

Gentiloni: "Attuare il PNRR o sarà recessione"

Cittàpolitica

Convento e chiesa dell'Immacolata a S. Severa, Settanni (FdI): "Una battaglia dura condotta nell'ignavia dell'amministrazione"

CittàCronaca

Civitavecchia, A.N.S.I. e CRI insieme per il corso di manovre salvavita pediatriche

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.