AttualitàCittà

Alla 69esima Sagra del Carciofo presente lo stand dell’Alberghiero di Ladispoli

21 Condivisioni

”Per noi una straordinaria soddisfazione”

Alla 69esima Sagra del Carciofo presente lo stand dell’Alberghiero di Ladispoli – Riceviamo e pubblichiamo

Si è conclusa domenica 14 aprile la 69^ Edizione della Sagra del Carciofo romanesco, che ha visto protagonisti gli studenti dell’Alberghiero di Ladispoli.

“E’ motivo di straordinaria soddisfazione per noi – ha dichiarato la Dirigente Scolastica dell’Istituto Superiore ‘Giuseppe Di Vittorio’ Prof.ssa Vincenza La Rosa – aver visto i nostri allievi impegnati sul campo.

Un’occasione imperdibile di apprendimento. L’esperienza pratica è una forma di conoscenza, perché è connessa ad un intervento attivo dello studente, che può verificare la validità e l’efficacia della teoria appresa sui banchi, proprio nel momento in cui la traduce in azione.

E’ dall’integrazione fra conoscenza teorica e applicazione pratica che nasce un ‘apprendimento efficace’, soprattutto nell’ambito di un Istituto Professionale Alberghiero”.

La partecipazione degli studenti dell’Alberghiero di Ladispoli alla Sagra è ormai una tradizione che si è consolidata negli anni, ma stavolta l’ Istituto di via Federici è voluto tornare con un proprio stand, che ha visto mettersi in fila centinaia di cittadini.

Panini con carciofo e salsiccia calabrese, finger food a base di tonno e carciofi e, in abbinamento, il cocktail ‘Sweet Heart’ creato, appositamente per la Sagra, dal Prof. Bruno Mazzeo e dai suoi allievi: questo il menu offerto dall’Alberghiero nella ‘tre giorni’ ladispolana dedicata al ‘re degli ortaggi’.

Gli allievi dell’Alberghiero hanno svolto inoltre attività di alternanza scuola-lavoro anche in un altro stand, quello dell’Associazione Pro Loco di Montemesola (TA), presente dal 2008 alla Sagra di Ladispoli allo scopo di promuovere e valorizzare i prodotti tipici e le eccellenze della cucina pugliese.

A coordinare gli studenti dell’Alberghiero, durante i tre giorni della Sagra, c’erano i Docenti Rocco Zezza, Fulvio Papagallo e Bruno Mazzeo con il supporto delle Assistenti tecniche Maria Liguoro ed Elisabetta Mannelli.

La Sagra del Carciofo romanesco a Ladispoli è la più antica a livello mondiale dedicata a questo ortaggio. Le origini della pianta si perdono nella notte dei tempi e sfumano nella leggenda.

Il nome scientifico, Cynara Scolymus, rimanda ad uno degli innumerevoli casi di metamorfosi di cui abbonda la mitologia classica: la storia della fanciulla dai capelli color cenere, Cynara appunto, che sedotta da Zeus, fu tramutata in dea e condotta sull’Olimpo.

Quando Cynara, però, cominciò ad avvertire la solitudine e la mancanza della sua famiglia e decise con un sotterfugio di tornare sulla terra, Zeus andò su tutte le furie e la trasformò in una pianta spinosa e pungente.

Columella lo cita nel suo ‘De re rustica’, Plinio il Vecchio ne parla nella ‘Naturalis Historia’. Ma sul luogo e sulla esatta data di nascita del carciofo (che gli Etruschi conoscevano bene), la battaglia gastronomico-filologica continua: Mediterraneo occidentale oppure orientale? Chi ne addomesticò, nell’antichità, la coltivazione? Molte le ipotesi.

Nessun dubbio, invece, sulla prima edizione della Sagra di Ladispoli: correva l’anno 1950, alcuni amici della Pro Loco stavano discutendo nella sala del caminetto del Ristorante ‘La Tripolina’ su come rilanciare il turismo e l’economia della città.

Decisero di puntare sul carciofo e dal 2 aprile di quell’anno il successo della Sagra ladispolana non si è più fermato. Chiamato anche ‘mamma’, ‘mammola’ o ‘cimarolo’, il carciofo romanesco è stato il primo prodotto in Italia ad essere tutelato a livello comunitario con il marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Nel 2001, inoltre, la Sagra di Ladispoli è divenuta ‘Fiera nazionale’ grazie alla partecipazione di un numero crescente di espositori provenienti da tutta Italia.

21 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittàNotizie

Santa Marinella, Ass. Nature Education: ''Occhio ai rifiuti a Pasquetta, fate i bravi''

CittàNotizie

Armato di pistola entra in un supermercato e ruba l'incasso: arrestato

Città

Valcanneto, rimosso nido d'api grazie al tempestivo intervento delle Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente

CittàNotizie

FS Italiane: ''Per le festività potenziati i servizi di assistenza, sicurezza e vendita''

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista