fbpx
CulturaStoria

200.000 iscritti YouTube per il “Bar di Roma Antica”: Roberto Trizio conferma l’immortalità di una storia gloriosa

Quando una passione nata durante la scuola si trasforma in un punto di riferimento solido per studiosi ed appassionati di storia

200.000 iscritti YouTube per il “Bar di Roma Antica”: Roberto Trizio conferma l’immortalità di una storia gloriosa –

di Marco Di Marzio

Bar di Roma Antica
200.000 iscritti YouTube per il “Bar di Roma Antica”: Roberto Trizio conferma l’immortalità di una storia gloriosa

Un lavoro compiuto con dedizione e bravura non può che avere come naturale risultato quello di ottenere riconoscimenti importanti, non soltanto in formato premio ma molto spesso anche come seguito ottenuto da un numero sempre crescente di persone.

È il caso del “Bar di Roma Antica” ideato da Roberto Trizio che su YouTube ha visto il proprio canale superare nei giorni scorsi i 200.000 iscritti (https://baraondanews.it/tutti-al-bar-di-roberto-trizio-per-degustare-insieme-il-sapore-della-roma-antica-multimediale/).

Un traguardo straordinario, avvenuto proprio quando i moderni mezzi di comunicazione, messi a disposizione da un’informatica che non conosce fine al suo sviluppo, sono stati utilizzati come debbono esserlo e cioè per permettere il progresso della società attraverso la diffusione della conoscenza.

Nato da una passione venuta fuori ai tempi della scuola, disegnando un legionario su commissione dalla maestra, e affacciatosi in rete a partire dal 2016, Roberto Trizio e lo spazio da lui creato, dedicato all’immortalità di una storia gloriosa, sono arrivati oggi ad essere il punto di riferimento per tema di studiosi, appassionati di storia ed anche semplici curiosi.

Non solo YouTube però, è bene ricordare infatti che il “Bar di Roma Antica”, al pari del suo seguito, con il relativo sito internet, Facebook (Pagina e Gruppo), Instagram, Newsletter e l’e-commerce, è arrivato ad operare oggi su 7 gruppi di divulgazione diversi, ognuno dedicato ad uno specifico argomento, registrando complessivamente il numero record di 5 milioni di spettatori.

I 200.000 iscritti ottenuti sulla piattaforma web 2.0 sono e più la testimonianza di un interesse tenuto costantemente forte dalla gente verso la riscoperta e la conservazione in memoria delle proprie origini, un dato che contraddice, nel segno della speranza, che nei tempi attuali c’è ancora spazio per la cultura di qualità.

“Di fronte ad un risultato di questo tipo – dichiara Roberto Trizio, raggiunto telefonicamente – non si può che provare naturale soddisfazione e rinnovare la voglia di fare ancora e di più. Un traguardo ottenuto grazie a spiegazioni semplici, rapide e brevi, dove a giocare un ruolo fondamentale sono state in particolar modo le “pillole”, capaci di aver aiutato molte persone a capire senza avere una grande preparazione di base.”

“Fino a questo momento il video di maggior successo – prosegue il divulgatore, tenendo a precisare – è stato quello dei disturbi mentali del legionario romano. Però abbiamo ottenuto importati riscontri anche con contenuti riguardanti per esempio gli assedi e i cani da combattimento. I riconoscimenti ottenuti invece sono arrivati dallo stesso YouTube, cui sono da aggiungersi quelli ottenuti a livello giornaliero da tutti i visitatori, anche per quel che riguarda le richieste di collaborazione. Tengo però a precisare che è nostra volontà non pubblicizzare molto eventuali premi, ciò per mantenere un profilo basso, cosa che piace molto al nostro pubblico.”

“Per dare continuità a tali risultati – conclude Trizio – di prossima uscita sicuramente sono previsti: un video sull’autopsia al corpo di Giulio Cesare; una serie sulla vita di Caio Mario; il pugnale del legionario romano, nuove battaglie. Insomma, argomenti riguardanti l’ambito militare e delle esplorazioni degli antichi romani.”

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàCultura

Ladispoli: RaccontARTE, "Grandi opere per piccoli artisti" torna in biblioteca

Cultura

Centenario del pilota Gordesco: la città di Arcola in visita all'Aeroporto di Furbara

CittàCultura

Tolfa Jazz, iniziano i Picnic Musicali a basso impatto ambientale

CittàCulturaNotizie

Ostia, il lungomare diventa un set cinematografico contro il bullismo

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.