AttualitàCittàCronacaNotizieOspiti

Vannini, OPI Roma su Martina Ciontoli: ‘non agiamo su processi mediatici’

251 Condivisioni

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche interviene sul caso Marco Vannini e sulla petizione per la radiazione dall’Ordine di Martina Ciontoli

Vannini, OPI Roma su Martina Ciontoli: ‘non agiamo su processi mediatici’ –

Nel caso di Martina Ciontoli, sottoposta a procedimento penale insieme ai propri genitori e al fratello per l’omicidio dell’allora fidanzato, a cui non avrebbe prestato soccorso, l’OPI Roma sta seguendo l’iter di legge e, solamente in base alle risultanze giudiziarie definitive, agirà di conseguenza.

Questo, tenendo presente che, al tempo in cui furono commessi i fatti, Martina Ciontoli era studentessa in infermieristica, non iscritta, pertanto, all’Ordine degli Infermieri, e che i capi di accusa non sono stati ancora confermati con sentenza definitiva passata in giudicato.

Solamente in caso di condanna definitiva sarà possibile per l’OPI di Roma esaminare i fatti e prendere in considerazione le sanzioni, anche accessorie, che verranno adottate dall’autorità giudiziaria.

L’OPI Roma non può certo agire in base ai processi mediatici che si stanno conducendo sui social e che sarebbe il caso di interrompere immediatamente perché non hanno alcun fondamento, né nella legge, né nell’etica professionale; anzi, a ben vedere, hanno come unica finalità quella di istigare altri colleghi infermieri a mettere alla gogna una persona che, fino alla conclusione del giudizio penale con sentenza definitiva, non può essere legalmente perseguita.

Questi atteggiamenti, se possono trovare una giustificazione come reazione emotiva a fatti raccontati dalla cronaca, ma non ancora definitivamente accertati dalla Magistratura, sono negativi e deteriori perché minano dall’interno la nostra professione e OPI Roma invita tutti a rientrare nei confini della normalità, rispettando, in primis, i diritti costituzionalmente garantiti a tutti i cittadini, nonché le norme di legge e deontologiche.

Garantiamo – appare ovvio doverlo ribadire – che, all’esito del giudizio penale e in considerazione delle sanzioni, anche accessorie, che saranno applicate dalla Magistratura, l’Ordine esaminerà la vicenda adottando i provvedimenti che riterrà opportuni sulla base delle norme regolamentari e deontologiche.

251 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittàNotizie

Oggi è il Moon Day: 50 anni fa lo storico sbarco sulla Luna

CittàNotizie

Tarquinia, sequestrata attrezzatura balneare abbandonata sul litorale

CittàNotizie

Ladispoli e Caravaggio: "una falsa verità lunga 400 anni?"

CittàNotizie

La lettera di risposta all'assessore Marco Milani dal M5S

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista