fbpx
Notizie

Un progetto contro il bullismo in 450 scuole del Lazio

111 Condivisioni

L’Associazione Guida per Genitori ha vinto un bando per fornire supporto a docenti, genitori e adolescenti

Un progetto contro il bullismo in 450 scuole del Lazio –

Parte oggi un progetto, vincitore di un bando della Regione Lazio in 450 scuole, contro il bullismo.

“I bambini non nascono bulli, ma viene insegnato loro ad esserlo” è la sintesi degli obiettivi dell’Associazione Guida per Genitori che si è aggiudicata il bando.

Il progetto “Il cyberbullo può uccidere… Il sexting-tomane strappa l’anima. Non fornirgli armi per farlo!” ha lo scopo di fornire sostegno ai docenti, ai genitori e agli adolescenti.

Gli strumenti messi a disposizione degli insegnanti, attraverso un’area dedicata del sito dell’associazione, consistono in materiale didattico specifico, quiz conoscitivi per i ragazzi con risultati online immediati e un Centro di Ascolto consultabile anche via e-mail con risposte in 24 ore da specialisti della Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza.

Per i genitori sono invece disponibili materiali per comprendere fenomeni come il sexting e cyberbullismo e l’accesso al Centro di Ascolto.

Agli adolescenti, oltre al materiale informativo sul sexting, sul cyberbullismo e sulla prevenzione, sono disponibili anche cinque video esplicativi sul canale YouTube dell’associazione e un profilo TikTok dedicato: @guidagenitori.sos.

I ragazzi avranno anche la possibilità di scaricare un modulo per denunciare in perfetto anonimato casi di bullismo da depositare in un box messo a disposizione della scuola.

Sia le vittime sia i testimoni di bullismo non hanno il coraggio di denunciare, per timore di ritorsioni.

“Non deve più essere così! Ad essere deboli sono proprio loro: i bulli. È essenziale cambiare questa mentalità partendo proprio dai ragazzi e dai bambini” – dice l’Associazione.

Il materiale cartaceo è in arrivo in questi giorni in 450 scuole medie del Lazio, ma il progetto, essendo sviluppato soprattutto online, è fruibile a livello nazionale. 

Il plico destinato agli istituti scolastici contiene dei “leaflet” da distribuire nelle classi e che i ragazzi possono consegnare a propri genitori. 

Il leaflet, una volta aperto, può diventare un mini-poster da appendere in aula: una presenza per far riflettere sul fatto che l’attenzione non è calata.

Il leaflet promuove il Centro di Ascolto a cui possono infatti essere posti quesiti a qualsiasi livello, anche in anonimato: le risposte arriveranno via mail al mittente.

Un’altra opportunità per parlare del problema è l’attivazione di un forum dove si avvierà un confronto a tutti i livelli.

“Un progetto importante, che ci auguriamo avrà i suoi frutti potendo così diventare il punto di partenza per un cambiamento di mentalità” – concludono dall’Associazione Guida per Genitori.

111 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Lotteria degli scontrini, al via codice: si gioca da gennaio

Notizie

Covid, piano vaccini: 202milioni di dosi dal primo trimestre 2021

Notizie

Meteo, in arrivo temporali e forte vento

Notizie

Coronavirus, un decesso a Cerveteri e uno a Bracciano

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.