fbpx
CittàNotizie

Ci sta un limite alla nefandezza? Storia del peschereccio Rodi naufragato a Porto San Giorgio

8 Condivisioni

Storia del peschereccio Rodi naufragato – di Angelo Alfani

Ognuno, come scrive Corrado Alvaro, è responsabile del proprio tempo,e deve fare i conti con quello presente, con le sue e le nostre contraddizioni.

Nella notte tra il 23 e 24 dicembre del 1970 un peschereccio  di nome Rodi naufraga a causa delle avverse condizioni del tempo (mare forza otto) davanti alle coste di Porto San Giorgio.

Per una settimana non viene tentato alcun recupero e nessuno si muove nonostante potessero esserci ancora dei marinai vivi ( la cosa venne  considerata antieconomica: in molti sostennero allora che l’ armatore avrebbe ricevuto il premio dell’assicurazione solamente se la nave fosse affondata del tutto) , fino a quando l’intera città di San Benedetto del Tronto inscena una clamorosa protesta: vengono fatti chiudere tutti i  negozi, il municipio, le scuole di ogni ordine e grado.

Lo scalo ferroviario viene occupato e da un treno merci vengono scaricati sui binari decine e decine di  tronchi  e con camion e automobili viene bloccata la statale Adriatica.

L’Italia rimase divisa in due. La città intera è  in rivolta e chiede  il recupero immediato del peschereccio e del suo pietoso contenuto.

A guidare la reazione di una popolazione indignata è un gruppo di pescatori atlantici ( la marineria di San Benedetto è la più grande d’Italia) con il peso determinante  del movimento degli studenti appartenenti in maggioranza al gruppo di estrema sinistra Lotta Continua. I giornali di allora definiscono la giusta lotta di una comunità come “la notte delle barricate”, la convinta partecipazione dei giovani come opera di facinorosi estremisti.

I cartelli, scritti a mano ,attaccati sui muri della cittadina gridavano:Vogliamo sapere chi dobbiamo ringraziare per questi nostri morti, per questo Natale di lutto.

A quel punto arrivarono i sommozzatori, gli elicotteri ed il tanto atteso pontone per il recupero.

Ma la tragedia si è oramai consumata. Il mare che dava vita procurò tragedia.

Ogni tentativo di intervento risultò vano, e solo il 29 dicembre il pontone in prossimità della costa pescarese riesce a sollevare il Rodi , trasportandolo nel vicino porto di Ortona.

Quattro membri dell’equipaggio furono rinvenuti all’interno dello scafo, mentre gli altri furono restituiti dal mare nel febbraio successivo.

Dieci morti su cui la avidità e la grettezza d’animo hanno avuto le loro  responsabilità.

Due le considerazioni:

una comunità fiera e convinta della giustezza di una causa non si ferma davanti a nulla e niente può impedirle di salvare degli esseri umani, naufraghi per di più :le parole invece restano vuote annunciazioni, chiacchiera in rete o patetiche apparizioni televisive, se a queste  non fanno seguito atti concreti ;

la avidità e grettezza d’animo possono di nuovo, dopo cinquant’anni, avere responsabilità nella tragedia dei quarantanove uomini, donne e bambini in balia di un mare ostile.

8 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Coronavirus, nel Lazio numero dei positivi più basso da 7 mesi

CittàCronaca

Civitavecchia piange la scomparsa di Odoardo Toti

Notizie

Covid-19, nei vaccinati decessi giù del 95%

Notizie

Vaccini, ottimi risultati per l’open day anche nella Asl Roma 4

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.