fbpx
CronacaNotizie

Sentenza Vannini, Gnazi: “Nelle motivazioni evidenziate le menzogne”

829 Condivisioni

L’avvocato della famiglia di Marco, Celestino Gnazi, interviene dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza d’appello

Sentenza Vannini, Gnazi: “Nelle motivazioni evidenziate le menzogne” –

La Corte d’Appello ha pubblicato le motivazioni dell’ultima sentenza nel caso Vannini e per l’Avvocato della famiglia, Celestino Gnazi, i fatti sono stati ricostruiti in maniera analitica.

“Sono state evidenziate le “menzogne” dei familiari che, secondo la Corte, avevano lo scopo di “adeguarsi il più possibile alle dichiarazioni di Antonio Ciontoli”, ha dichiarato Gnazi.

I giudici della Corte hanno parlato di “vera a propria crudeltà” e di “depistamenti”

Depistaggio avvenuto attraverso la pulizia delle armi e del sangue, le menzogne ai soccorritori e gli accordi sulle versioni da dare.

“Tutte cose – ha aggiunto l’avvocato dei Vannini – che abbiamo sempre detto e pensato e che ora, finalmente, emergono con chiarezza in una sentenza”.

“Ora attendiamo, con più serenità, il definitivo verdetto della Cassazione per dire che Marco ha avuto la migliore Giustizia umanamente possibile”, ha continuato.

Gnazi ha ricordato alcune delle dichiarazioni fatte in aula

Gli imputati tentarono di giustificarsi affermando che perfino Marco non avesse avvertito il colpo fatale altrimenti “sarebbe stato lui a sollecitare i soccorsi”.

“In ogni caso non verrà lasciato nulla di intentato affinché ognuno si assuma le proprie responsabilità. Dovrà assumersele anche chi è stato sentito come testimone innanzi alla Corte”, ha poi aggiunto Gnazi.

“Non ci si può rassegnare al perenne oltraggio della verità e verrà fatto tutto il possibile per farne emergere ancora un altro pezzo”, ha concluso.

829 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Casa di riposo Villa Diamanti: sette in codice rosso e cinque decessi

Notizie

Ladispoli: chiude "Da Alfredo", colpa della crisi causata dal covid

CittàNotizie

Ladispoli, dalla Rsa Gonzaga arrivano le prime buone notizie

CittàCronacaNotizie

Tragedia a Lanuvio, non era un centro Covid ma una casa di riposo

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.