fbpx
IstruzioneItalia

Scuola. UNSIC: “non sarebbe stato meglio investire in nuove tecnologie?”

5 Condivisioni

A differenza della scuola dell’infanzia, gli adolescenti potrebbero usare Internet per seguire le lezioni

Scuola. UNSIC: “non sarebbe stato meglio investire in nuove tecnologie?” –

L’apertura delle scuole spaventa genitori e insegnanti: le tante voci discordanti sui rischi del ritorno in aula creano uno stato d’animo negativo.

A rilevarlo è l’Unsic, sindacato datoriale che grazie alla propria rete di CAF e patronati distribuiti in tutta la Penisola riporta lo “stato d’animo” di buona parte del Paese reale.

Ad aprire un grande dibattito sul tema è stato un editoriale del presidente dell’Unsic, Domenico Mamone, che denuncia innanzitutto un’eccessiva presenza dei giudizi di politici e dei “presunti esperti” che finiscono “per annebbiare le opinioni, ben più interessate e intrise di una visione meno rosea, di docenti, studenti, genitori e personale amministrativo, tecnico e ausiliario”.

Mamone si domanda, provocatoriamente, se “saranno sufficienti i tre milioni di banchi nuovi di zecca, con rotelle o senza (alcuni, sembra, provenienti dalla Cina), i primi al liceo classico “Augusto” di Roma, o la decina di milioni di mascherine che saranno quotidianamente elargite negli edifici scolastici (chi paga?) a giustificare tanto ottimismo, spinto fino all’euforico ‘rischio zero’ o a quell’usurato ritornello dell’apertura ‘in sicurezza’, come se qualcuno possa auspicare il contrario”.

 “Vale davvero la pena riaprire fisicamente gli istituti scolastici, specie quelli di secondo grado, se ciò equivarrà a spingere in alto i numeri dei ricoverati o, addirittura, dei decessi quotidiani per coronavirus”? – si chiede il presidente dell’Unsic.

“Se per i bambini più piccoli – aggiunge il presidente dell’Unsic – la scuola fisica assume anche una funzione di aggregazione e di supporto alla maturazione, nonché di necessità per genitori che lavorano, ben diverso è il discorso per gli adolescenti, il cui mondo è già totalmente segnato dalle nuove tecnologie e da un’autonomia gestionale nell’apprendimento che, per quanto preoccupante, è però un dato di fatto”.

Mamone si domanda, quindi, se non sarebbe stato più utile, anziché acquistare milioni di banchetti, indirizzare gli investimenti per colmare quel divario digitale che nel nostro Paese rappresenta una vera e propria emergenza per le sfide professionali future globali dei nostri ragazzi.

Sono giunte a centinaia le adesioni alla posizione del presidente dell’Unsic, anche da parte di alcuni di quegli 800 mila docenti (età media: 51 anni), circa 70mila quelli che operano nel Lazio, che il 14 dovrebbero tornare in aula, benché si prevedano molte defezioni.

Numerosi interlocutori dichiarano che avrebbero preferito un’apertura delle scuole ad ottobre, come avveniva un tempo, che avrebbe permesso anche il prolungamento della stagione estiva, benefico per l’economia.

Altri avrebbero preferito investimenti non sui banchi o sulle mascherine, bensì sulle attrezzature informatiche e sulla formazione digitale dei docenti, che colmerebbero le lacune emerse nella didattica a distanza.

Altri ancora sono certi che a scuola non sarà possibile garantire la massima sicurezza con centinaia o migliaia di studenti (otto milioni e 400mila il numero complessivo, circa 830mila nel Lazio) comunque ammassati in un edificio, un po’ come avvenuto con le discoteche.

Ad esprimere preoccupazione sono soprattutto genitori e nonni, da tempo anagraficamente entrati negli “anta”.

Ma gli stessi studenti più avveduti temono di poter diventare fonte di contagio per i propri cari. Insomma, secondo buona parte dell’utenza dell’Unsic occorre prendere coscienza che rimaniamo in una fase di emergenza ed ogni richiamo al “ritorno alla normalità” appare solo un palliativo.

5 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a barao[email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
ItaliaNotizie

Coronavirus, ecco il Dpcm firmato da Conte e Speranza

ItaliaNotizie

Coronavirus: Conte: “presenteremo una proroga dello stato d’emergenza”

ItaliaNotizie

Coronavirus. In Italia aumentano i contagi e i decessi

ItaliaNotizie

Coronavirus. In Italia mai tanti morti da luglio: 24 casi

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.