fbpx
Città

”Ribadiamo il nostro No al carrozzone del Consorzio irruguo a Cerenova”

I Consiglieri Aldo De Angelis e Salvatore Orsomando: ”Vogliamo vederci chiaro a tutela dei cittadini”

”Ribadiamo il nostro No al carrozzone del Consorzio irruguo a Cerenova”

“E’ sicuramente di “PUBBLICO INTERESSE” oltre che amministrativo quello determinato dalla fornitura e/o gestione dell’acqua di irrigazione da parte del Consorzio di Bonifica sul territorio di Cerveteri e, nello specifico su Cerenova (Marina di Cerveteri) e dalla conseguente gestione di  pagamenti e quote manutenzione del sistema irriguo da parte della Multiservizi  Caerite che pagano i cittadini di Cerenova. 

I Consiglieri Aldo De Angelis e Salvatore Orsomando già da tempo hanno iniziato la battaglia contro tutto ciò e, in data 12.06.2019, hanno provveduto ad inoltrare email PEC URGENTE di Accesso e Richiesta Atti in merito ad alcune comunicazioni, come quella che il  4 aprile 2019 Prot. 62/19 la Multiservizi Caerite ha inviato agli UTENTI del Servizio Idrico Integrato Località Cerenova, ad alcuni documenti e atti e alla “dichiarata” applicazione di intervenuta normativa con Consorzio di Bonifica Tevere e Agro Romano, la Multiservizi Caerite e il Comune di Cerveteri oltre che la relativa mutazione gestionale e di riferimento del servizio irriguo per la località Cerenova (Marina di Cerveteri).

E’ chiaro che la forma di CONSORZIO o di Condominio (in maniera autonoma), come proposta dalla Multiservizi e da questa Amministrazione è inverosimile e fuori da ogni logica difatti, i cittadini di Cerenova , si ritroverebbero presumibilmente a pagare direttamente i costi di gestione, inclusi i consumi dell`acqua e dei costi amministrativi del servizio di irrigazione, comprese le spese della manutenzione dell`acquedotto, ripartendo i costi sugli utenti.

Tutto questo significa che teoricamente il “consorzio” che si vorrebbe praticamente imporre, vista la presunta e annunciata “chiusura dei rubinetti” del servizio da parte della stessa Multiservizi per il prossimo anno, dovrebbe prendersi in carico tutto il vecchio e vetusto sistema tubazioni dell’acquedotto che richiederebbe continue manutenzioni vista la precarietà di molti punti con ulteriore spesa di soldi a carico della cittadinanza già martoriata.

Secondo noi l’Amministrazione avrebbe dovuto fare ben altro percorso ed è per questo che vogliamo vederci chiaro a tutela dei cittadini pertanto sarà nostra cura, subito dopo aver ricevuto quanto richiesto, informare tutti voi Cittadini come stanno veramente le cose e agire insieme di conseguenza”.

    La nota dei consiglieri Aldo De Angelis  e Salvatore Orsomando

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Cittàpolitica

Santa Marinella, ripulito il piazzale del Liceo Scientifico

Cittàpolitica

Photored a Santa Marinella, Fantozzi (FdI): "A Tidei piace prendersi gli onori e scaricare gli oneri"

Città

Asl Roma 4: ''In programma un evento per rendere sicuro il lavoro degli ormeggiatori''

Città

Cerveteri, un nuovo appuntamento per il 15esimo Anniversario dal riconoscimento UNESCO

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista