fbpx
 
CittàNotiziepolitica

Pascucci candidato a Sindaco di Ladispoli: “Con me un modello di Città”

Tra i punti la cooperazione tra Cerveteri e Ladispoli, il turismo come occasione di lavoro e i successi del piano regolatore della città etrusca come modello sostenibile

Pascucci candidato a Sindaco di Ladispoli: “Con me un modello di Città” –

Alessio Pascucci, sindaco uscente di Cerveteri, è candidato ufficialmente alla carica di primo cittadino a Ladispoli. Lo ha confermato in una intervista rilasciata a Fabio Bellucci.

“A novembre avevo dato la mia disponibilità: ero titubante, ma ho sciolto le mie riserve”, dice.

A convincerlo è stato il progetto di coalizione che gli è stato proposto, costituito pare da “tanti uomini e donne del territorio, che stimo, collegate col terzo settore e l’associazionismo”.

Pascucci ha poi spiegato che “c’è stato un momento di riflessione per vedere se c’era modo di convergere su un solo nome”.

Un candidato unico per il centro sinistra che non ci sarà, vista anche la parallela candidatura di Silvia Marongiu per una coalizione analoga.

Incalzato, Pascucci è stato perentorio: “Sì, mi candido a Sindaco e porto con me buone pratiche e un modello di città”.

Il modello di città

Il modello è ovviamente quello di Cerveteri: Pascucci cita il piano regolatore a impatto zero pensato per fornire servizi lì dove non ce ne erano, operando anche espropri.

“A Cerveteri abbiamo fatto la più grande operazione di esproprio, mettendo così tutta la costa a disposizione dei cittadini”, spiega.

“Il nostro territorio è stato consumato dalla speculazione edilizia – dice –: ha ucciso e violentato intere campagne. C’è bisogno di un riequilibrio”.

Poi parla della cooperazione tra le due città, così vicine, non solo geograficamente.

“Credo che i nostri due territori debbano dialogare su questi argomenti”, spiega Pascucci.

“Le cose giuste e le cose popolari non sempre vanno d’accordo, ma un buon amministratore deve fare le cose che ritiene giuste anche se non sono popolari”, dice.

Pascucci vede una soluzione a molti problemi nella cooperazione tra le due città, così come in passato è stato fatto per i trasporti pubblici.

Le potenzialità di Ladispoli

“Ladispoli ha molte nuove potenzialità rispetto a quando ero io studente. Noi oggi possiamo offrire servizi ai turisti che devono dormire a Cerveteri e Ladispoli e visitarle, considerando Roma come una seconda tappa”.

L’idea è quella di creare un’offerta turistica così ampia da garantire anche posti di lavoro direttamente sul territorio per contrastare il fenomeno dell’eccessivo pendolarismo.

“Dobbiamo avere un’offerta del lavoro per le persone sul nostro territorio”.

In tal senso Pascucci diche che “dobbiamo abbracciare una logica europeista di cooperazione tra le città” perché sono “due comunità che si mescolano”.

La cooperazione

“Il mio obbiettivo – dice – è che noi cittadini si possa vivere bene nelle nostre città senza più la necessità di doversi spostare per andare al lavoro e questo, secondo me, è ottenibile col turismo”.

E sulle tensioni passate tra Cerveteri e Ladispoli, Pascucci dice che secondo lui non ce ne sono state: “Ci sono stati dei momenti istituzionali che non mi sono piaciuti. Uno che governa non può scaricare una responsabilità. Nonostante questo, non sento che ci sia uno strappo tra i nostri due comuni”.

“Il venerdì 25 marzo, alle 18:30, al Prime, presenterò la mia candidatura e le otto forze che mi sostengono”, conclude.

Claudio Lippi

Post correlati
CittàCronaca

Ladispoli, scontro auto moto in via Palo Laziale. Centauro finisce in ospedale

CronacaNotizie

Ladispoli sorvegliata speciale. Il primo Maxi Blitz del "pattuglione interforze"

CittàNotizie

Ballottaggio a Cerveteri: i dati sull'affluenza

CittàCronacaNotizie

Doppio incidente a Santa Marinella: 2 auto finiscono fuori strada

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.