fbpx
CittàCopertinaNotizie

Olmetto, i lottisti chiedono chiarezza

0 Condivisioni

Olmetto, i lottisti chiedono chiarezza. Nel mirino gli addebiti dei costi di lottizzazione che i cittadini sono stati a pagare

Olmetto, i lottisti chiedono chiarezza – Più chiarezza sugli addebiti dei costi per la lottizzazione dell’Olmetto.

A puntare i riflettori sulla vicenda sono proprio i lottisti della zona chiamati a mettere le mani al portafogli per versare le somme dovute, almeno secondo quanto riportato nella Determina dirigenziale dell’ultimo giorno del 2018 che accerterebbe i costi di altre due determine (la 1083/2018 e la 1584/2018, quest’ultima peraltro riportata sbagliata, secondo quanto evidenziato proprio dai lottisti).

In pratica ai diretti interessati che ora si ritrovano a dover versare le somme al Comune (si parla di oltre 34mila euro), non sarebbero stati avvisati preventivamente degli incarichi che l’amministrazione aveva affidato per lo svolgimento di questa procedura, tantomeno sulle somme che da lì a breve sarebbero stati chiamati a versare proprio per lo svolgimento di questo accertamento.

A non aiutare poi è la mancata pubblicazione sul sito dell’amministrazione comunale dei documenti inerenti l’intero iter che dunque, ancora oggi, resta un mistero per i lottisti. Da mesi, inoltre, nella sezione Amministrazione Trasparente non sarebbero raggiungibili né il PdL Olmetto né il Prg, «fatto contrario alla normativa vigente» tengono a precisare i lottisti, i cui dubbi, dunque, appaiono «leciti, in quanto – hanno affermato dall’Olmetto – si stanno addebitando costi non necessari, senza informare e senza sapere su quale base saranno ripartiti.

Ma quel che è peggio – hanno proseguito – non sono stati informati i ”Debitori Diversi” (i lottisti, ndr) né si sta dando loro la possibilità di prendere visione degli elaborati che li riguardano». Insomma, mentre da un lato si chiede ai residenti della zona di mettere mano al portafogli per saldare la somma di 34mila euro, dall’altra parte gli stessi sono costretti a vivere in una zona ricca di problemi che ancora attendono di trovare una soluzione.

In cima alla classifica dei problemi vanno sicuramente i problemi inerenti l’illuminazione pubblica, praticamente inessistente e che rende difficile e pericoloso percorrere quelle strade nelle ore notturne; e le condizioni delle strade, dissestate, non asfaltate e che in giorni di pioggia si trasformano in vere e proprie piscine che compromettono ancora di più la sicurezza di pedoni e automobilisti.

E ora, con la pubblicazione di questa nuova determina, la situazione sembra complicarsi ancora di più, con il serio pericolo che la vicenda, che si sarebbe dovuta risolvere già dal 2013, rischi di arenarsi allungando ancora una volta tempi ormai più che dilatati, con i lottisti che tornano a chiedere, nuovamente, solo una cosa: dare sciogliere i dubbi e portare a termine l’iter.

0 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Ladispoli, pasto da casa. Il preside Agresti: "Facciamo chiarezza"

NotizieSport e Salute

Pallanuoto under 15, bronzo nazionale per il cerite Alessandro Agnolet

CittàNotizie

Un Weekend ricco di divertimento per tutti a Cerveteri e Cerenova

CittàNotizie

Il disagio di "Parco Marco Vannini" con erbacce alte mezzo metro

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista