fbpx
 
CittàCultura

Nell’area della Tomba delle Cinque Sedie di Cerveteri, lo spettacolo di Agostino de Angelis: “Quando l’Anima incontra Amore”

Appuntamento per domenica 14 alle ore 21.00

di Giovanni Zucconi

Nuovo appuntamento con la Cultura vissuta e goduta nelle straordinarie aree archeologiche di Cerveteri. L’evento è per domenica prossima, 14 luglio, nell’area della Tomba delle Cinque Sedie. E rientra nel ciclo di spettacoli, di diversa natura, che il regista e attore Agostino De Angelis sta producendo nell’ambito della IV edizione della manifestazione “Sulla Strada degli Etruschi”.

Anche stavolta De Angelis, supportato nell’organizzazione da Desirée Arlotta, di ArcheoTheatron, ha di nuovo alzato l’asticella. E segnerà un nuovo punto di riferimento per gli spettacoli rappresentati all’interno di un’area archeologica.

Innanzitutto per la location. Il palcoscenico sarà la grande piazza etrusca presente nell’area archeologica della Tomba delle Cinque Sedie. La novità, quasi assoluta, è che l’evento si svolgerà, all’aperto, in notturna. Inizierà infatti alle ore 21:00. La magica atmosfera del luogo sarà amplificata dalle ombre della notte. Che saranno create dalla Luna che splenderà in cielo, e dall’illuminazione predisposta per l’occasione dalla Sezione di Cerveteri-Ladispoli-Tarquinia del Gruppo Archeologico Romano.

Nell’area della Tomba delle Cinque Sedie di Cerveteri, lo spettacolo di Agostino de Angelis: “Quando l’Anima incontra Amore”
Nell’area della Tomba delle Cinque Sedie di Cerveteri, lo spettacolo di Agostino de Angelis: “Quando l’Anima incontra Amore”

È poi assisteremo a un evento multimediale. Sarà innanzitutto presente la Poesia di Salvatore Uroni, che sarà magistralmente letta, come consuetudine, da Agostino De Angelis.Le letture e la recitazione saranno accompagnate dalle musiche originali di Francesco Pastore. Ma anche gli occhi avranno la loro parte. Perché potranno ammirare le installazioni visive realizzate con le opere del Maestro Carlo Grechi. Che per la prima volta esporrà la sua Arte in questa suggestiva area archeologica.

Mettere insieme tutti questi artisti, ognuno un riferimento importante nel proprio campo, non è stato facile. Così come non è stato facile armonizzare le loro opere e le loro performance sotto l’ambizioso tema: “Quando l’Anima incontra Amore”. Ma questa è la magia che ogni volta ritroviamo negli spettacoli di Agostino De Angelis. Che riesce ad accordare l’arte di ogni artista partecipante in un’unica sinfonia polifonica.

Proviamo a spiegare meglio il suggestivo tema trattato nello spettacolo di domenica: “Quando l’Anima incontra Amore”. Abbiamo chiesto di spiegarcelo al poeta Salvatore Uroni, le cui poesie saranno il filo conduttore di tutta la serata. Che ci ha risposto: “Il tema dell’evento riguarderà ciò che, fin dagli albori della civiltà, ha condizionato le relazioni sociali e, soprattutto, i rapporti di coppia. Un percorso nel quale sarà illustrata la qualità della relazione stessa sottoposta agli obblighi e ai doveri della società, e gli effetti che l’incontro dell’Anima con la Fonte sacra, prima e assoluta che definiamo Amore, ha prodotto e ancora produce ai nostri giorni.

È chiaramente una descrizione alta. Da poeta. Ma niente paura. Chi parteciperà all’evento, sarà accompagnato per mano nei suggestivi meandri poetici di Uroni, dalla presentazione e dalla conduzione della brava giornalista Barbara Pignataro.

Le letture saranno tratte dalle raccolte poetiche di Uroni: “Oltre…”, “Oasi nel deserto” e “La Luce e l’Ombra”. In particolare, il Maestro Carlo Grechi esporrà delle opere ispirate alla raccolta “Oltre…”.

Per i pochi che non lo conoscono, Salvatore Uroni è nato a Palermo, ma vive a Cerveteri. I suoi interessi culturali spaziano dalla poesia, alla narrativa, alla saggistica. Con particolare riferimento e attenzione alle problematiche sociali. È autore di saggi, di sillogi poetiche e di romanzi.

Chiudiamo con il ringraziare chi, da dietro le quinte, ha reso possibile questo evento. Innanzitutto la padrona di casa: la “Soprintendenza Archeologica, belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l’Etruria Meridionale”, nelle persone della Soprintendente Margherita Echberg, del funzionario Rossella Zaccagnini, e dell’assistente tecnico-scientifico Monica Arduini. E anche il Gruppo Archeologico Romano, che da venti anni mantiene pulita e visitabile l’area archeologica della Tomba delle Cinque Sedie con il costante lavoro dei suoi volontari.

Post correlati
Città

Si insedia il Consiglio comunale dei giovani di Cerveteri: domani la prima seduta

Città

Santa Marinella, inaugurata domenica la riapertura stagionale del PIT (punto informazione turistica) in Piazza Civitavecchia

CittàCronacaNotizie

Marina di Cerveteri, crolla cornicione in via Fregene: nessun ferito

CittàSport e Salute

Cerveteri pronto a brindare, attesa ad ore il ripescaggio in Promozione 

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.