Attualità

‘Loading’ una mostra personale di Saverio Todaro a cura di Piero Gagliardi

Il 7 Maggio dalle ore 19 – Bolli & Romiti, via Beatrice Cenci 9 a Roma


‘Loading’ una mostra personale di Saverio Todaro a cura di Piero Gagliardi

Angelo Azzurro Onlus torna con il progetto A-Head proponendo la mostra personale di Saverio Todaro, un artista la cui ricerca esplora gli scenari che emergono dalla connessione globale di Internet: la gestione del sapere, le relazioni sociali, l’economia, la religione, la storia che oggi l’uomo scrive nell’etere.

L’appuntamento è per martedì 7 Maggio, dalle ore 19, presso Bolli&Romiti Casa d’Aste, via Beatrice Cenci 9, a Roma. La mostra di Saverio Todaro dal titolo Loading nasce in collaborazione con il MUSMA, Museo della Scultura Contemporanea, di Matera (Palazzo Pomarici). Si tratta di un progetto che proseguirà con un’altra esposizione dell’artista, dal titolo Real.m, presso il MUSMA di Matera il 6 luglio, e il giorno seguente (7 luglio 2019) nella stessa sede si terrà il convegno dal titolo “Arte, Psichiatria e Psicanalisi”.

L’arte al servizio della mente. È questa la strada ormai assodata del progetto A-Head di Angelo Azzurro Onlus, attraverso il quale l’associazione mira a sviluppare un percorso ermeneutico e conoscitivo delle malattie mentali attraverso l’arte, un mezzo privilegiato per meglio interpretare la fragilità e la complessità umana.

L’arte di Todaro riflette l’epoca contemporanea concentrandosi sull’hic et nunc. L’artista è consapevole della velocità del tempo, che scorre senza sosta, e fissa così l’attimo fuggente con immagini, simboli, idee e forme che, proprio per la loronatura istantanea, rappresentano le peculiarità della nostra epoca, caratterizzata da una moltitudine di domande, intuizioni, progetti, aspirazioni, delusioni e qualità che la attraversano continuamente.

“La società contemporanea – scrive il curatore Piero Gagliardi – mette in risalto il ruolo delle immagini e dei simboli come forma di comunicazione archetipica, ancestrale eppure estremamente attuale, per gli svariati dispositivi attraverso i quali oggi vengono messe in atto pratiche discorsive e comunicative. Quando nelle relazioni comunicative subentra la rappresentazione iconica non si tratta mai di semplici immagini, ma di una potente affermazione di sé e del proprio mondo”.

L’arte di Saverio Todaro dà un valore ad ognuno dei suddetti e “svariati dispositivi”, sui quali lo spirito del nostro tempo prende forma. Todaro plasma ogni istante attraverso diverse tecniche dette “mode antropoietiche”. In questo contesto le opere della serieLoading, eseguite finemente a carboncino e fortemente “iperrealiste”, sono “figurazioni” ognuna delle quali traduce un’icona di caricamento.

“La tela non è solo una superficie su cui le immagini vengono rappresentate con rinnovata forza e chiarezza ma diventa un vero e proprio tablet. Lo schermo dei nuovi dispositivi funziona più come un display, ovvero come un luogo su cui delle immagini che fluttuano liberamente vengono ad arrestarsi per un momento, rendendosi disponibili agli utenti, e permettendo così di rimanere impresse, prima di riprendere il loro scorrimento verso nuove direzioni”, spiega Piero Gagliardi.

Nel mondo di Internet e dei nuovi media le immagini circolano in maniera intensa e continua, quasi senza sosta, e il loading è l’operazione che meglio rappresenta un simile turbinìo. Di tanto in tanto qualcosa si inabissa, si perde, e in questo contesto i simboli appaiono più incerti, meno definiti a causa di una narrazione non stabile ma, proprio per questo, disponibile ad accogliere in sé diversi significati.

Nelle opere di Todaro – come anche in altri lavori quali Views e Follower – elementi visivi presi dal web vengono ricontestualizzati in chiave ironica per riempire un vuoto e “sottolineandone un’estrazione di metafisica memoria”, come afferma Gagliardi.  “L’opera Limbo, ad esempio, di matrice installativa-interattiva è una struttura scenografica che ha valore soltanto quando è attivata dall’utente che immortala se stesso tramite uno scatto fotografico eseguito da uno smartphone”.

Come scrive il sociologo Zygmunt Baumann nel suo libro Danni Collaterali, “I social media cambiano le nostre relazioni e la nostra vita, rendendoci più fragili. Nella società di oggi sono cambiati la nostra percezione e il nostro uso del tempo. Siamo meno in grado di fare programmi, perché siamo sempre più consapevoli che gli eventi della nostra vita sono imprevisti e imprevedibili.

Prima il nostro tempo era strutturato in un certo modo c’era il tempo dell’ufficio e il tempo della casa, il tempo del lavoro e quello del riposo  e si lottava per pianificarlo nella maniera più solida possibile. Oggi queste divisioni stanno venendo meno. Ci sono solo eventi istantanei, che capitano inattesi. La nostra percezione del tempo si riassume nell’espressione ‘il tempo è adesso’”. In pratica l’hic et nunc sul quale si erge l’arte Saverio Todaro.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCronaca

Musei Vaticani: rissa tra promoter saltafila, 8 denunce

AttualitàCronaca

Rubava offerte in chiesa, ladro seriale finisce in manette

AttualitàCittà

Legalità, Galluzzo: "Venerdì a Fregene incontro col magistrato Erminio Amelio"

AttualitàCronaca

Zona bianca, domani a Maccarese l'assemblea di associazioni e comitati

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista