fbpx
 
Città

Le bonifiche dell’agro romano e pontino raccontate da Palliccia

La presentazione del libro nella Necropoli del Sorbo con la partecipazione di Agostino De Angelis

Le bonifiche dell’agro romano e pontino raccontate da Palliccia –

Domenica 7 luglio alle 18:00 un importante appuntamento culturale dedicato alla storia del territorio e delle bonifiche agrarie sarà presentato all’interno della Necropoli del Sorbo con la presentazione del libro del prof. Paolo Palliccia dal titolo “Le Bonifiche nell’Agro Romano e Pontino”, organizzato dall’Associazione Culturale ArchéoTheatron con il settimanale l’Ortica e la collaborazione dell’Associazione Nuova Generazione Etrusca che si occupa della manutenzione del sito, promosso dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale. Un viaggio nella storia della bonifica del territorio laziale, ma soprattutto della storia d’Italia, dall’Unità d’Italia al 1945: un saggio dettagliato sulle bonifiche dell’Agro Romano e dell’Agro Pontino. Il saggio è un unicum tra le pubblicazioni sull’argomento, con uno sguardo sulla bonifica di Torrimpietra e della famiglia Albertini. Secondo l’autore la storia delle bonifiche merita un’attenzione ed una rilevanza maggiore: poiché negli anni dall’ 800 al 900 le bonifiche si intrecciano ed hanno molte connessioni con i grandi fatti storico-politici nazionali ed internazionali: anni in cui sui territori acquitrinosi incombeva la malaria che mieteva tante vittime, anche bambini. Erano gli anni del fascismo e delle grandi guerre, ma anche gli anni delle scoperte in campo medico-scientifico con cui i medici si sono impegnati a trovare cure per la malaria, avendo contatti anche con altri medici all’estero. Si parlerà anche del ruolo sociale dell’istruzione e delle scuole contadine create da Anna Fraenzel, moglie del medico Angelo Celli. Modererà la serata il Direttore dell’Ortica Cristiano Cimarelli, a dialogare con l’autore sarà la giornalista Barbara Pignataro e ad arricchire la storia attraverso momenti recitati sarà la voce di Agostino De Angelis.

La scelta di presentare un libro che tratta della bonifica dell’agro romano, dà lo spunto e l’inizio al più ampio progetto che il regista De Angelis con ArchéoTheatron hanno intrapreso sulla valorizzazione del patrimonio agricolo e culturale del territorio laziale e non solo, che prende il nome di “©Festival Internazionale dell’AgriCultura Italia”. Il Festival ha già avuto l’attenzione dell’Assessorato Regionale del Lazio all’Agricoltura. Un viaggio trasversale, che tocca diverse tematiche dal mondo agricolo a quello culturale, per una conoscenza profonda del nostro territorio e di coloro che ne hanno fatto la storia. Come dice lo scrittore: “Dietro i grandi momenti della Storia c’è sempre il lavoro di uomini e donne coraggiosi”. L’evento inoltre è inserito nella IV Edizione di “Sulla Strada degli Etruschi” contenitore culturale ideato dallo stesso regista, all’interno del quale sono già stati realizzati diversi eventi già a partire dall’inizio dell’anno con il patrocinio di Regione Lazio, Città Metropolitana e Comune di Cerveteri, Assessorato alla Cultura.

L’ingresso all’evento è libero con prenotazione obbligatoria al numero 3494055382 o alla mail [email protected]

Post correlati
Città

Anno Mariano, processione lungo la costa da Fiumicino a Montalto di Castro

Città

Cerveteri, la crisi prosegue. L' opposizione: " lasciate di nuovo parola agli elettori"

CittàCultura

Ladispoli, il 20 luglio spettacolo "Risate in sala d’aspetto”

CittàCultura

Cerveteri, sabato 20 luglio spettacolo Teatrale "L'Ombra di Aldo Moro"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.